Contenuto sponsorizzato

Ecco la giunta di Fugatti: da Bisesti all'istruzione a Spinelli alle politiche economiche, ecco chi sono gli assessori

Il presidente Maurizio Fugatti ha la nominato la giunta. Nella squadra di governo anche Zanotelli e Segnana, Failoni, Borga e Tonina

Di Luca Andreazza e Giuseppe Fin - 13 novembre 2018 - 17:49

TRENTO. Dopo giorni di rumors e trattative, è nata la squadra di governo provinciale del presidente Maurizio Fugatti, che si tiene le deleghe di bilancio, protezione civile, corpo forestale e lavori pubblici. Una Giunta a forte trazione Lega: quattro assessorati al partito del governatore.

 

La vice presidenza va in forma temporanea a Mario Tonina (Progetto trentino), che assume in via definitiva le deleghe dell'assessorato ambiente, urbanistica e cooperazione, quindi l'assessorato a cultura, istruzioneuniversità e progetti europei finisce nelle mani di Mirko Bisesti.

 

A Giulia Zanotelli l'assessorato agricoltura, foreste, caccia e pesca, mentre Roberto Failoni al turismo, artigianato, sport e commercio. L'assessorato salute, politiche socialidisabilità e famiglia, a Stefania Segnana, mentre Achille Spinelli, un tecnico, a sviluppo economico, ricerca e lavoro.

 

L'esponente di Civica Trentina, Rodolfo Borga, avrà in un secondo momento le deleghe alle autonomie locali (intanto restano a Fugatti) e la vice presidenza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato