Contenuto sponsorizzato

Ecco la giunta di Fugatti: da Bisesti all'istruzione a Spinelli alle politiche economiche, ecco chi sono gli assessori

Il presidente Maurizio Fugatti ha la nominato la giunta. Nella squadra di governo anche Zanotelli e Segnana, Failoni, Borga e Tonina

Di Luca Andreazza e Giuseppe Fin - 13 novembre 2018 - 17:49

TRENTO. Dopo giorni di rumors e trattative, è nata la squadra di governo provinciale del presidente Maurizio Fugatti, che si tiene le deleghe di bilancio, protezione civile, corpo forestale e lavori pubblici. Una Giunta a forte trazione Lega: quattro assessorati al partito del governatore.

 

La vice presidenza va in forma temporanea a Mario Tonina (Progetto trentino), che assume in via definitiva le deleghe dell'assessorato ambiente, urbanistica e cooperazione, quindi l'assessorato a cultura, istruzioneuniversità e progetti europei finisce nelle mani di Mirko Bisesti.

 

A Giulia Zanotelli l'assessorato agricoltura, foreste, caccia e pesca, mentre Roberto Failoni al turismo, artigianato, sport e commercio. L'assessorato salute, politiche socialidisabilità e famiglia, a Stefania Segnana, mentre Achille Spinelli, un tecnico, a sviluppo economico, ricerca e lavoro.

 

L'esponente di Civica Trentina, Rodolfo Borga, avrà in un secondo momento le deleghe alle autonomie locali (intanto restano a Fugatti) e la vice presidenza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato