Contenuto sponsorizzato

Elezioni, rispunta la candidatura di Vittorio Fravezzi su Rovereto. E Mellarini 'costretto' alla sfida in Valsugana

La sua rielezione sembrava tramontata ma Dellai spinge perché si ripresenti sul collegio senatoriale che lo ha eletto nel 2013. Di conseguenza toccherebbe a Mellarini spostarsi su quello più insidioso di Pergine. Il braccio di ferro è già iniziato

Di Donatello Baldo - 17 gennaio 2018 - 19:43

TRENTO. Sembrava ormai fuori dai giochi, obbligato alla regola dell'ubi maior minor cessat in favore di Tiziano Mellarini, il segretario dell'Upt che finiti i mandati nella Giunta provinciale vuole ora un seggio in Parlamento. Ma ecco che nelle ultime ore Vittorio Fravezzi riemerge dell'oblio e la sua candidatura prende quota nuovamente. 

 

Che cosa succede i casa Upt? Succede che Dellai è quasi certo che un seggio glielo garantisca il Pd, all'interno del patto che si sta confezionando a livello nazionale. Civica Popolare, la sua nuova formazione politica che si è inventato con la ministra Beatrice Lorenzin, dovrebbe ottenere sei posti sicuri tra Camera e Senato. Per lui, per Lorenzin e per altri componenti del suo gruppo. 

 

Se fosse così, l'ex governatore lascerebbe libero il collegio della Valsugana, quello più incerto per il centrosinistra, e lì dovrebbe andare Tiziano Mellarini. Quest'ultimo vorrebbe Rovereto, che dà più certezze di vittoria, il collegio in cui si trova il suo bacino elettorale: Tiziano Mellarini abita a Mori, è stato sindaco di Ala.

 

Ma Fravezzi, che una legislatura in Parlamento già l'ha fatta, è sindaco di Dro e al Senato nel 2013 è stato eletto proprio a Rovereto. Quello sarebbe il suo collegio naturale. Mellarini è segretario, è assessore alla Cultura e alla Protezione Civile. I suoi voti sono sparsi dappertutto, la sua candidatura è di spessore provinciale. 

 

Tra i due, dovrebbe andare lui a misurarsi in Valsugana, Fravezzi sembrerebbe paracadutato lì per un gioco di incastri difficile da spiegare agli elettori. La questione è proprio questa adesso, in Valsugana chi ci va? Fravezzi o Mellarini? Chi accetta la sfida del collegio più insidioso?

 

Dellai sembra spingere perché il segretario lasci Rovereto in favore di Fravezzi. Ma Mellarini punta i piedi, lui fin dal primo giorno ha opzionato il collegio senatoriale di Rovereto, vuole candidarsi lì. Punto. Tra poche ore si dovrà decidere e il braccio di ferro sembra sia iniziato già da giorni. 

 

Alla fine deciderà la coalizione, tenendo ben presente che le elezioni non servono per garantire all'uno o all'altro un posto in Parlamento, ma per far vincere le idee, i progetti. Servono anche per conquistare seggi, sconfiggere l'avversario, ma in un'ottica che guardi un po' più al di là del proprio tornaconto personale. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
03 agosto - 17:10
Il Cai Veneto non lo mette in dubbio: il Green Pass rappresenta uno strumento utilissimo nella strategia di contenimento della diffusione del [...]
Cronaca
03 agosto - 20:15
Lo scontro è avvenuto al termine del cavalcavia di Ravina in direzione nord a Trento
Cronaca
03 agosto - 17:05
Le precipitazioni più abbondanti interesseranno i settori occidentali e saranno concentrate sui rilievi. La fase più intensa si avrà tra il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato