Contenuto sponsorizzato

Elezioni, rispunta la candidatura di Vittorio Fravezzi su Rovereto. E Mellarini 'costretto' alla sfida in Valsugana

La sua rielezione sembrava tramontata ma Dellai spinge perché si ripresenti sul collegio senatoriale che lo ha eletto nel 2013. Di conseguenza toccherebbe a Mellarini spostarsi su quello più insidioso di Pergine. Il braccio di ferro è già iniziato

Di Donatello Baldo - 17 gennaio 2018 - 19:43

TRENTO. Sembrava ormai fuori dai giochi, obbligato alla regola dell'ubi maior minor cessat in favore di Tiziano Mellarini, il segretario dell'Upt che finiti i mandati nella Giunta provinciale vuole ora un seggio in Parlamento. Ma ecco che nelle ultime ore Vittorio Fravezzi riemerge dell'oblio e la sua candidatura prende quota nuovamente. 

 

Che cosa succede i casa Upt? Succede che Dellai è quasi certo che un seggio glielo garantisca il Pd, all'interno del patto che si sta confezionando a livello nazionale. Civica Popolare, la sua nuova formazione politica che si è inventato con la ministra Beatrice Lorenzin, dovrebbe ottenere sei posti sicuri tra Camera e Senato. Per lui, per Lorenzin e per altri componenti del suo gruppo. 

 

Se fosse così, l'ex governatore lascerebbe libero il collegio della Valsugana, quello più incerto per il centrosinistra, e lì dovrebbe andare Tiziano Mellarini. Quest'ultimo vorrebbe Rovereto, che dà più certezze di vittoria, il collegio in cui si trova il suo bacino elettorale: Tiziano Mellarini abita a Mori, è stato sindaco di Ala.

 

Ma Fravezzi, che una legislatura in Parlamento già l'ha fatta, è sindaco di Dro e al Senato nel 2013 è stato eletto proprio a Rovereto. Quello sarebbe il suo collegio naturale. Mellarini è segretario, è assessore alla Cultura e alla Protezione Civile. I suoi voti sono sparsi dappertutto, la sua candidatura è di spessore provinciale. 

 

Tra i due, dovrebbe andare lui a misurarsi in Valsugana, Fravezzi sembrerebbe paracadutato lì per un gioco di incastri difficile da spiegare agli elettori. La questione è proprio questa adesso, in Valsugana chi ci va? Fravezzi o Mellarini? Chi accetta la sfida del collegio più insidioso?

 

Dellai sembra spingere perché il segretario lasci Rovereto in favore di Fravezzi. Ma Mellarini punta i piedi, lui fin dal primo giorno ha opzionato il collegio senatoriale di Rovereto, vuole candidarsi lì. Punto. Tra poche ore si dovrà decidere e il braccio di ferro sembra sia iniziato già da giorni. 

 

Alla fine deciderà la coalizione, tenendo ben presente che le elezioni non servono per garantire all'uno o all'altro un posto in Parlamento, ma per far vincere le idee, i progetti. Servono anche per conquistare seggi, sconfiggere l'avversario, ma in un'ottica che guardi un po' più al di là del proprio tornaconto personale. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato