Contenuto sponsorizzato

''Fate presto, in ballo c'è la nostra Autonomia'', l'appello dei sindacati alla politica. ''Scegliete in poche ore i candidati presidente''

Cgil Cisl Uil: "Bsta rinvii, servono assunzioni di responsabilità". L'appello delle segreterie provinciali perché il dibattito politico si concentri sui contenuti per il bene del Trentino

Di db - 05 luglio 2018 - 14:04

TRENTO. "Fate presto", questo l'appello di Cgil Cisl e Uil del Trentino alla politica, che a pochi mesi dalle elezioni - ciascuno nel proprio schieramento - non ha ancora deciso chi sarà il candidato presidente.

 

Le segreterie provinciali si sono riunite questa mattina per discutere dei contenuti della proposta di assestamento di bilancio, ma è stata anche l'occasione per una valutazione sulla situazione politica.

 

Hanno espresso "forte preoccupazione per il perdurare di una situazione di incertezza sugli assetti delle coalizioni che correranno alle prossime elezioni provinciali, così come sui programmi". Una situazione di stallo, spiega una nota, "che fa male al Trentino e che rischia di ipotecare in negativo la fragile ripresa economica in atto".

Da qui l'appello dei tre sindacati alle forze politiche "perché superino questa pericolosa fase di stallo, ritrovino la responsabilità necessaria a qualunque forza politica che si candida a governare il nostro territorio e assumano nel giro di poche ore decisioni nette".

 

"Poche ore", sottolineano Cgil Cisl e Uil. "Il tempo per le chiacchiere e per le ambizioni personali è ormai scaduto. Il clima di rancore e le tentazioni di alzare barriere fanno delle elezioni di ottobre un appuntamento cruciale".

 

In ballo non c'è solo la maggioranza che guiderà la Provincia per i prossimi 5 anni, "in gioco c'è il destino della nostra Autonomia, un modello di autogoverno che ha permesso la crescita e lo sviluppo della nostra comunità, reagendo anche con efficacia alla difficile crisi economica".

"Serve da parte di tutti una dimostrazione forte di responsabilità, che rimetta al centro l'interesse della nostra comunità, aprendo un confronto serio e fattivo sui contenuti. Confronto - scrivono i sindacati - a cui come parti sociali siamo pronti a dare il nostro contributo".

 

Per quanto riguarda la manovra di assestamento che a breve sarà discussa dal Consiglio provinciale, le tre sigle condividono una valutazione positiva dell'impianto e concordano sul fatto che c'è corrispondenza tra alcune richieste avanzate dal sindacato e le misure previste, in particolare per quanto riguarda le famiglie, il lavoro e gli interventi sull'Icef.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 febbraio - 12:53

Si allunga l’elenco di Regioni e Province che hanno scelto di chiudere le scuole, troppo alto il rischio di contagi. Rezza: “Quando si parla di chiusure scolastiche è sempre doloroso ma laddove ci sono dei focolai o sono presenti le varianti è chiaro che tale decisione è assolutamente da considerare”

27 febbraio - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato