Contenuto sponsorizzato

Il Patt abbandona il tavolo della coalizione. Panizza si alza e se ne va: ''O Rossi o Rossi''

L'incontro di maggioranza doveva proseguire il lavoro di sintesi, affrontando anche il tema dell'allargamento della compagine e il nome del candidato presidente

Di Donatello Baldo - 22 maggio 2018 - 19:41

TRENTO. Per le Stelle Alpine la riunione di maggioranza è durata poco. Il tempo di sedersi, delle foto di rito. Chiuse le porte del conclave che ha il compito di decidere le sorti della coalizione, Franco Panizza - accompagnato dal suo vice Simone Marchiori e dal capogruppo in Consiglio provinciale Lorenzo Ossana - si è alzato e se n'è andato.

 

Prima di salutare ha lasciato sul tavolo il testo del comunicato stampa scritto a conclusione della Giunta del partito di ieri sera: "Quello che dobbiamo dire c'è' scritto qui. Buonasera". Una mossa che ha lasciato di stucco i presenti, tutti i rappresentanti dei partiti della maggioranza, Pd, Upt, Verdi, Socialisti e Radicali

 

Ma che dice il comunicato? "Il Patt proseguirà nel lavoro di definizione e di predisposizione del programma e delle idee di indirizzo politico e legislativo della prossima Legislatura. Parallelamente il PArtito invita il presidente Rossi a continuare la fase di confronto, in un'ottica di rafforzamento dell'attuale azione e cultura di governo e di rinnovamento, miglioramento e condivisione delle proposte programmatiche". 

 

Queste sono le ultime righe, quelle messe in neretto. Quelle che dicono, dopo due pagine in cui si declina in mille modi che serve continuità, che ora si fa sul serio. Da quel che si capisce, ora sarà Rossi in persona a confrontarsi con la maggioranza

 

Un colpo di scena che non era nelle ipotesi. Si capirà in seguito se questa mossa sia stata 'imposta' da Rossi a Panizza per poter gestire lui in prima persona le trattative, per stringere oltre che sulla coalizione anche sul suo stesso partito. 

 

Non è un segreto che le voci favorevoli al cambio al vertice serpeggino anche tra i suoi, e questa nuova strategia può essere un 'serrare le fila' di salvataggio. Oppure questo è un bluff: "Attenzione che se non si conferma Ugo Rossi non andiamo via". Ma dove? 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.35 del 11 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 05:01

A sinistra sembra cominciato il gioco più amato di quest'area politica: la tafazziana scissione. Il partito di Boato e Coppola probabilmente conta di sfruttare l'onda lunga dei movimenti ambientalisti in Europa ma proprio nome e simbolo rischiano di renderli poco attrattivi e di legarli a vecchie logiche. Molto dispiaciuto il presidente di Futura: ''Non sarà una lista in più a darci maggiore chance di vittoria''

11 dicembre - 19:46

Il versamento a Fratelli d'Italia è apparso nell'ultima inchiesta fatta dall'Espresso. L'attuale presidente dell'associazione è Sergio Berlato, ex Alleanza Nazionale e eletto in Europarlamento quest'anno con Fratelli d'Italia. L'ex presidente dei cacciatori è stata eletta nel 2018 in Parlamento sempre con il partito della Meloni 

11 dicembre - 16:21

Il sindacato si scaglia contro il disegno di legge sponsorizzato da Fugatti “Ritorsioni della provincia verso i familiari dei condannati”. Qualora la norma fosse approvata la Fiom fa appello al governo nazionale “affinché blocchi questo gravissima e insensata deriva della democrazia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato