Contenuto sponsorizzato

Mancano dieci giorni alle elezioni e il Pd altoatesino si spacca, quattordici gli ammutinati

Si dimettono i dem Luigi Tava e Debora Pasquazzo. Ma ora i bizziani potrebbero seguire in massa. Intanto il re degli 8mila Messner si schiera dalla parte di Boschi

Pubblicato il - 21 febbraio 2018 - 12:55

BOLZANO. Bufera in casa Partito democratico. A dieci giorni dalle elezioni, il Pd altoatesino si spacca. Quattordici esponenti, espressione della minoranza che fa capo a Roberto Bizzo, hanno annunciato l'uscita dalla forza politica.

 

Tra gli altri lasciano l'assessora di Bolzano Monica Franch e l'assessore del Comune di Ora Luigi Tava, ma anche gli attuali consiglieri comunali a Mauro Randi (Bolzano) e Debora Pasquazzo (Laives) e Miriam Canestrini della segreteria provinciale.

 

Il nodo riguarda la candidatura, 'imposta dall'alto', di Gianclaudio Bressa e Maria Elena Boschi nel collegio Bolzano-Bassa Atesina. Intanto spunta un fan a sorpresa dell'ex sottosegretaria, cioè Reinhold Messner (Continua a leggere su Salto.bz).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato