Contenuto sponsorizzato

Maria Elena Boschi torna nella "sua" Bolzano: ''Quello altoatesino il modello a cui guardare, altro che i sussidi''

La deputata del Pd dopo l'elezione è ritornata in Alto Adige e ha partecipato a un incontro a porte chiuse del partito. Si è tolta anche qualche sassolino dalla scarpa. Ecco cos'è successo

Pubblicato il - 07 aprile 2018 - 11:04

BOLZANO. Maria Elena Boschi lo aveva promesso "non sparirò dopo le elezioni" e ieri è tornata nel "suo" Alto Adige a Bolzano dove ha partecipato a un'assemblea del Pd. A seguirla i giornalisti di Salto.bz, con il quale collaboriamo, e a loro ha spiegato che è proprio l'Alto Adige il modello a cui ispirarsi, territorio capace di primeggiare con lavoro e impegno, modello opposto a quello promosso dai 5 Stelle.

 

"Noi continuiamo a credere che ai giovani senza un lavoro dobbiamo dare l’opportunità di un lavoro - ha detto - non il reddito di cittadinanza, e lo dico a maggior ragione qui in Alto Adige dove c’è un modello di alternanza scuola lavoro che funziona, dove c’è un investimento nella battaglia contro la disoccupazione giovanile, nella formazione professionale e i risultati si vedono. Quindi io credo che il modello a cui guardare sia questo e non i sussidi". 

 

QUI IL SERVIZIO COMPLETO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato