Contenuto sponsorizzato

Piccola manifestazione del Fronte della gioventù comunista al Prati contro le bombe in Siria

Una decina di ragazzi hanno manifestato, come in altre parti d'Italia, all'interno del liceo classico di Trento

Pubblicato il - 20 aprile 2018 - 21:02

TRENTO. Oggi al liceo classico “G. Prati”  decine di studenti hanno organizzato una protesta contro la guerra in Siria, a pochi giorni dall’intervento militare di Usa, Gran Bretagna e Francia. Un’iniziativa promossa dal Fronte della Gioventù Comunista (Fgc) che in questi giorni si sta mobilitando nelle scuole di tutta Italia.

 

Ogni euro per sostenere la guerra imperialista verrà tolto alla scuola, alla sanità, alle politiche sociali.” ha dichiarato Francesco Pettarin, studente del Prati e militante del Fgc. “L’Italia ogni giorno spende 64 milioni per le Forze Armate, di cui 16 per acquistare nuovi armamenti. Una vera e propria corsa al riarmo per difendere gli interessi dei monopoli e sostenere guerre per il profitto. E poi vengono a dirci che mancano i fondi per l’istruzione!”.

 
Non è questo il futuro che vogliamo. La guerra imperialista è contro i lavoratori e noi giovani delle classi popolari”. ha concluso Pettarin “L’iniziativa di oggi è solo l’inizio, un messaggio necessario che vogliamo approfondire. Oggi lottare per un futuro più giusto e dignitoso significa opporsi con forza ad ogni intervento imperialista, e noi vogliamo essere in prima linea per la pace, contro lo sfruttamento”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

22 gennaio - 20:15

Entro il 2025 gli orsi potrebbero raggiungere quota 129 ma degli esemplari più problematici fin qui monitorati, 9 sono già morti (4 abbattuti, 3 morti accidentalmente durante le fasi di cattura, 2 vittima di bracconaggio), mentre 4 si trovano in cattività, 3 sono scomparsi (si teme il bracconaggio). Di fatto solo 3 esemplari sono liberi e se ne conoscono le condizioni di salute

24 gennaio - 12:12

Una squadra composta da 10 alpinisti nepalesi è stata la prima a conquistare la vetta del K2 in inverno, non era mai successo prima: Nessuna avidità ma solo solidarietà – afferma Nirmal Purja che ha guidato la spedizione – il riscaldamento globale e il cambiamento climatico sono una delle sfide più importanti che il mondo sta affrontando in questo momento. Se ci uniamo possiamo rendere tutto possibile”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato