Contenuto sponsorizzato

Piccola manifestazione del Fronte della gioventù comunista al Prati contro le bombe in Siria

Una decina di ragazzi hanno manifestato, come in altre parti d'Italia, all'interno del liceo classico di Trento

Pubblicato il - 20 aprile 2018 - 21:02

TRENTO. Oggi al liceo classico “G. Prati”  decine di studenti hanno organizzato una protesta contro la guerra in Siria, a pochi giorni dall’intervento militare di Usa, Gran Bretagna e Francia. Un’iniziativa promossa dal Fronte della Gioventù Comunista (Fgc) che in questi giorni si sta mobilitando nelle scuole di tutta Italia.

 

Ogni euro per sostenere la guerra imperialista verrà tolto alla scuola, alla sanità, alle politiche sociali.” ha dichiarato Francesco Pettarin, studente del Prati e militante del Fgc. “L’Italia ogni giorno spende 64 milioni per le Forze Armate, di cui 16 per acquistare nuovi armamenti. Una vera e propria corsa al riarmo per difendere gli interessi dei monopoli e sostenere guerre per il profitto. E poi vengono a dirci che mancano i fondi per l’istruzione!”.

 
Non è questo il futuro che vogliamo. La guerra imperialista è contro i lavoratori e noi giovani delle classi popolari”. ha concluso Pettarin “L’iniziativa di oggi è solo l’inizio, un messaggio necessario che vogliamo approfondire. Oggi lottare per un futuro più giusto e dignitoso significa opporsi con forza ad ogni intervento imperialista, e noi vogliamo essere in prima linea per la pace, contro lo sfruttamento”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

16 luglio - 13:01

Dopo i tanti comitati locali e associazioni ambientaliste intervenuti per denunciare i pesanti interventi sulle montagne di Cortina, anche il Cai Veneto ha deciso di scendere in campo lanciando un allarme per la "pressione ambientale insostenibile" sulle montagne di Cortina. Nelle settimane scorse, i mondiali di sci erano stati confermati per il 2021

16 luglio - 13:05

Questi paesi si aggiungono a Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana e il divieto comprende tutti i mezzi di trasporto. Restano però aperti i collegamenti con gli Stati Uniti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato