Contenuto sponsorizzato

Politiche, si voterà il 4 marzo dalle 7 alle 23. Ecco tutte le date da sapere

Il commissariato del governo ha diramato la circolare "per lo svolgimento delle elezioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica". Prima scadenza? Tra il 19 e il 21 gennaio (entro le 16) i simboli dovranno essere depositati al Viminale

Pubblicato il - 08 gennaio 2018 - 13:13

TRENTO. Si voterà dalle 7 alle 23 di domenica 4 marzo. E' stato diffusa in queste ore la circolare del commissariato del governo "per lo svolgimento delle elezioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica" che rende noto come le operazioni preliminari degli uffici elettorali di sezione (e quindi tutto quel che riguarda scrutatori, rappresentanti di lista e figure tecniche che coordinano l'attività) cominceranno alle 16 di sabato 3 marzo e riprenderanno alle 7 del mattino di domenica.

 

Insomma, ormai si fa sul serio e se i partiti sono alle prese con nomi, simboli e listoni da Fantacalcio ai cittadini non restano che meno di due mesi per informarsi e prendere una decisione. A livello di scadenze queste sono le date da tenere sotto controllo: tra il 19 e il 21 gennaio (entro le 16) i simboli dovranno essere depositati al Viminale; tra il 29 e il 31 gennaio dovranno essere presentate le liste; i comizi elettorali potranno, ufficialmente, cominciare 30 giorni prima delle elezioni (il 4 febbraio) e dovranno terminare 24 ore prima del via al voto; per quanto riguarda i sondaggi è vietata la loro diffusione nei 15 giorni precedenti le elezioni.

 

Dopo il voto, poi cosa succederà? Entro il 23 marzo si svolgerà la prima seduta delle Camere e in quella data si eleggeranno gli uffici di presidenza provvisori e poi i due presidenti. Al Senato si procederà a due votazioni a maggioranza assoluta, poi ad una a maggioranza dei votanti e infine a una quarta e definitiva votazione di ballottaggio.

 

Per la Camera si vota a scrutinio segreto nel primo voto a maggioranza dei due terzi dei componenti, per due scrutini servono i due terzi dei voti, a maggioranza assoluta dal quarto scrutinio in poi. Potrebbero servire più votazioni rispetto al Senato.

 

Fatto questo i parlamentari hanno due giorni dall'insediamento della Camera e tra da quello del Senato per dichiarare di quale gruppo faranno parte e a quel punto il presidente della Repubblica avvierà le consultazioni per costruire una maggioranza che sostenga il governo e il nuovo presidente del consiglio che andrà indicato.

 

Inizieranno, quindi, le consultazioni del presidente Mattarella dei vari presidenti emeriti (Napolitano), dei presidenti delle camere e dei vertici dei gruppi parlamentari. Il vecchio governo resterà in carica fino al giuramento di quello nuovo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 14:56

L'incidente è avvenuto questa mattina poco prima di mezzogiorno. Le operazioni di soccorso sono durate più di due ore quando i due sono stati recuperati

27 settembre - 12:30

A trovare la donna priva di sensi è stata la figlia che si è recata a trovare la madre. Vani, purtroppo, i tentativi del personale sanitario, Angela Roncali è morta intossicata

27 settembre - 15:17

L'allerta è scattata intorno alle 13 di oggi in località Miravalli lungo la strada statale 612 in direzione Grumes. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato