Contenuto sponsorizzato

Tracollo del Pd, i 5 Stelle primo partito e il centrodestra è della Lega: un Paese ingovernabile

Lo spoglio delle schede delle elezioni di ieri lascia una sola certezza: sarà difficile formare un governo. Il Centrodestra è a un soffio dal 40%, prima coalizione. I 5 Stelle oltre il 30% e il Pd va a fondo

Di db - 05 marzo 2018 - 04:49

TRENTO. Il Movimento 5 Stelle è il primo partito della Nazione e viaggia oltre il 30%, con punte del 40 al Sud. Il centrodestra è invece la prima coalizione, la somma di Lega e Forza Italia, più i voti di Giorgia Meloni, restituiscono questo risultato: seppur non si riesca a oltrepassare il 40%, ci si avvicina di molto: il 37% è superato.

 

Il centrosinistra arranca, il Pd tracolla: non raggiunge nemmeno il 20%. A sinistra va quasi peggio: Potere al Popolo ha una percentuale irrisoria e Liberi e Uguali non arriva al 5%, si ferma molto prima, a meno del 4.

 

"Una sconfitta chiara e netta, un risultato molto chiaro nella sua negatività", dicono dal Pd. Un risultato che affossa ogni speranza di "Larghe intese" per la formazione del prossimo governo. Un nuovo Nazareno è impensabile: il Pd è sconfitto e Forza Italia è arrivata seconda nella sfida di Salvini.

 

Salvini che si laurea come leader del centrodestra, che porta la Lega a livello nazionale a oltre il 17%. Che se il Capo dello Stato dovesse assegnare l'incarico esplorativo per la formazione di un Governo dovrebbe chiamare Matteo Salvini al Quirinale.

 

O Luigi Di Maio, il capo politico del primo partito. Perché hanno vinto i 5 Stelle e Di Maio si presenterà con la lista dei ministri da Mattarella. Proverà anche lui a fare un suo governo, quello che comprende anche Fraccaro.  "E' un trionfo - ha detto Di Battista - un'apoteosi".  

 

Ma chi governerà l'Italia? Potrà continuare Gentiloni come molti sussurravano nei giorni scorsi? Dopo questo risultato è molto difficile che si possa puntare su di lui, espressione del partito che maggiormente è stato punito dalle urne. 

 

Ci proverà Salvini? Oppure Salvini e i 5 Stelle? Oppure i 5 Stelle da soli con il sostegno di chi ci vorrà stare? La politica si inventerà sicuramente un nuovo schema, troverà il modo di andare avanti. Ma davvero, chi governerà l'Italia?

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 10:50

Dove è passato Salvini la Lega ha perso (o al massimo è andata al ballottaggio) e anche chi ha cercato di portare il Patt verso quella sponda, come il presidente Panizza, è stato bocciato anche a casa propria. Gli errori del segretario Bisesti sono stati evidenti in tutti i campi ma Fugatti c'ha messo del suo con l'incredibile (ed effettivamente non credibile) annuncio del concerto di Vasco per il prossimo anno

23 settembre - 01:29

Se il Pd è il primo partito, la lista di Ianeselli è il secondo nel blocco del centrosinistra autonomista a quota 7,94%, tallonato dal Patt e poi da Futura. Nel centrodestra fa due consiglieri Fratelli d'Italia e tre la lista Trento Unita Merler Sindaco. La Lega piazza 5 esponenti

23 settembre - 09:09

Il Partito Democratico passa da un 12,6% del 2015 al 6,86 ma cala anche il Patt. Tra gli eletti con il maggior numero di voti ottenuti c'è Daniela Casagrande di Civic@ per Pergine seguita da Carlo Pintarelli (322 voti) di prospettiva Futura e Stefano Tomaselli del Patt con 230 voti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato