Contenuto sponsorizzato

Aggressione omofoba a Mezzolombardo, i consiglieri comunali in direzione opposta alla Provincia: ''Il Comune si attivi per sensibilizzare e esprima solidarietà''

I fatti si sono svolti domenica 29 settembre, una coppia gay residente a Mezzolombardo è stata inseguita da un furgone vetrato per le vie del centro abitato. Poi dal mezzo sono scese alcune persone che hanno inveito contro la coppia con frasi omofobe e minacciose. I consiglieri comunali di Pd e Patt, Uniti per Mezzolombardo e Upt presentano una mozione

Di Luca Andreazza - 04 ottobre 2019 - 13:44

MEZZOLOMBARDO. "Crediamo sia importante che le istituzioni pubbliche, l'amministrazione comunale in primis, esprimano la propria vicinanza e solidarietà nei confronti della coppia di nostri concittadini presa di mira". Così Luigi Rossi e Luca Girardi (Partito democratico), Danilo Viola (Uniti per Mezzolombardo), Paolo Mazzoni (Upt) e Corrado Aldrighetti (Patt), che aggiungono: "Ma anche di tutti coloro che per altre ragioni siano costretti a subire sempre più situazioni analoghe".

 

I consiglieri comunali di Mezzolombardo hanno presentato una mozione per chiedere al consiglio comunale di "condannare in modo deciso - spiegano i firmatari - l'aggressione verbale subita dalla coppia per esprimere inoltre la solidarietà dell'intero consiglio comunale, ma anche per impegnare la giunta a promuovere azioni di sensibilizzazione contro l'omofobia, l'intolleranza e le discriminazioni di ogni genere, nonché azioni di approfondimento sul tema dei diritti delle persone".

 

I fatti si sono svolti domenica 29 settembre, una coppia gay residente a Mezzolombardo è stata inseguita da un furgone vetrato per le vie del centro abitato. Poi dal mezzo sono scese alcune persone che hanno inveito contro la coppia con frasi omofobe e minacciose

 

Un evento sul quale si è immediatamente espresso il Comitato Arcigay del Trentino (Qui articolo), quindi sono arrivate le reazioni della politica con Futura e Partito democratico, ma anche Cgil e le associazioni universitarie. E un botta e risposta tra la Provincia e Arcigay (Qui articolo). 

 

Ora alcuni consiglieri comunali Mezzolombardo prendono le distanze e chiedono una reazione al Consiglio. "La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, Dichiarazione universale dei diritti umani, la Costituzione della Repubblica italiana - evidenziano Rossi, Girardi, Viola, Mazzoni e Aldrighetti- affermano che 'tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali'. Necessario che l'intero consiglio esprima solidarietà alla coppia".

 

E' una questione culturale. "I pregiudizi diffusi ancora oggi nella nostra società - aggiungono i consiglieri comunali - spingono a considerare le persone omosessuali e transessuali come perverse o malate, rendendole spesso oggetto di scherno e discriminazione. In questi ultimi anni in Italia si sono incrementati episodi di aggressione nei confronti di persone inermi per motivi di ordine razziale o sessuale e ciò è da considerarsi inaccettabile nella maniera più assoluta".

 

La richiesta è quella di promuovere azioni di sensibilizzazione contro l'omofobia, in controtendenza rispetto alla Provincia in quanto la proposta dell'assessora Stefania Segnana è quella di cancellare i finanziamenti per iniziative di contrasto all'omofobia. Insomma, dopo aver azzerato i corsi per promuovere la parità di genere, ecco un'altra picconata alla crescita sociale (e culturale) della nostra comunità (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 giugno - 20:30
Trovati 11 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 44 guarigioni. Sono 248 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
13 giugno - 20:04
Dopo una ricostruzione della disciplina vigente, la Pat riconduce la regola per le zone bianche al Dpcm secondo il quale il coefficiente [...]
Cronaca
13 giugno - 19:43
L'allerta è scattata all'altezza di Vadena lungo l'Autostrada del Brennero. Tempestivo l'arrivo dei vigili del fuoco di Egna ma l'auto è finita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato