Contenuto sponsorizzato

Elezioni Borgo, Pellanda e Rivivere: ''Fuori dalle logiche partitiche. Si guarda agli esempi di Milano e di Obama''

Rivivere Borgo è la nuova lista civica che si presenta per le prossime elezioni comunali per sfidare alla massima carica municipale Marika Sbetta, Enrico Galvan e Martina Ferrai. I cittadini chiamati alle urne domenica 26 maggio

Di Luca Andreazza - 04 maggio 2019 - 17:45

BORGO. "Indipendenti dalle logiche partitiche, crediamo nella forza delle idee e nel contributo che i giovani possono dare al rinnovamento della vita pubblica", queste le parole di Sunil Pellanda, candidato sindaco per la lista di Rivivere Borgo, realtà pronta a prendere parte alla corsa elettorale di domenica 26 maggio.

 

Rivivere Borgo è la nuova lista civica che si presenta per le prossime elezioni comunali per sfidare alla massima carica municipale Marika Sbetta, Enrico Galvan e Martina Ferrai. 

 

Sono cinque le aree individuate nel programma tra comunità e attività per lo sviluppo strategico e del territorio, il rafforzamento dell'identità locale in un'economia globale e l'accesso ai servizi per tutti. E ancora sicurezza e responsabilità individuali e sociali, ma anche eventi, divertimento, tempo libero e sport.

 

Tra le novità più interessanti c'è il crowdfunding civico. "Un modello - commenta Pellanda - applicato dal comune di Milano per far collaborare comitati di cittadini, finanziatori privati e amministrazione comunale nella realizzazione di progetti di pubblico interesse. Un modo per creare sinergie e rilanciare alcuni luoghi simbolo di Borgo e renderli visitabili al pubblico, come il giardino dell'Albergo Venezia, il Convento dei Frati e Castel Telvana".

 

Capitolo sicurezza. "Si deve - prosegue il candidato sindaco - privatizzare la gestione dell'Area sosta camper per evitare futuri disservizi. Un altro punto è quello di prevedere l'introduzione della figura del 'vigile di quartiere' per un maggior controllo del territorio e tempi di intervento più brevi in caso di necessità".

Un nodo critico per Borgo è quello degli stalli e posti auto. "Pensiamo - dice Pellanda - alla realizzazione di un parcheggio multipiano in zona ex agrarie, così come nell'attuale parcheggio del Polo scolastico sfruttando progetti già esistenti. E' quindi importante segnalare in modo migliore quelli già esistenti per ottimizzare l'utilizzo da parte di turisti e residenti".

 

La lista intende poi legare meglio commercio, servizi e turismo. "Si possono - continua il leader di Rivivere - installare alcune casette in val di Sella per gli esercenti di Borgo e Olle: una vetrina per intercettare più turisti e portarli a scoprire i centri storici. In questo modo si possono riqualificare gli spazi e aumentare il valore di artigianato e prodotti locali". 

 

Non manca quindi uno sguardo per i più giovani. "Questi progetti in altre realtà del Trentino - evidenzia Pellanda - hanno portato sviluppo e benessere nelle comunità: un incubatore aziendale per sostenere giovani imprenditori la formazione delle loro nuove start-up e un Centro culturale giovanile sul modello dello Smart Lab di Rovereto. Riteniamo fondamentale anche trovare uno spazio adatto alla costruzione di una nuova biblioteca comunale con aule studio adeguate e un nuovo cinema. Un'altra proposta è quella di creare un Gruppo giovani per la gestione di eventi".

 

Si parla anche di ospedale. "E' necessaria - aggiunge il candidato sindaco - una collaborazione attiva con l'amministrazione provinciale affinché l'ospedale San Lorenzo sia messo nelle migliori condizioni di operatività. Attivarsi per fare in modo che nei turni di notte, nei festivi e nei pre-festivi Trentino emergenza venga dotato di una seconda autoambulanza al pronto soccorso di Borgo".

 

Un altro punto è quello della gestione dei rifiuti. "Si deve - conclude Pellanda - operare una revisione dell'attuale gestione, così come collocare un numero maggiore di cestini predisposti per la raccolta differenziata. Non da ultimo è fondamentale sensibilizzare la popolazione, senza dimenticare la possibilità di sperimentare l'applicazione della teoria dei nudge (cioè ricorrere a sostegni positivi e suggerimenti o aiuti indiretti che possono influenzare i motivi e gli incentivi che fanno parte del processo di decisione di gruppi e individui), già utilizzata efficacemente in passato negli Usa dall'amministrazione Obama".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 maggio - 09:58
Dopo le polemiche sui post contro il Governo e Mattarella interviene l’esponente di Fratelli d’Italia: “Sono una persona pacifica, ho [...]
Politica
16 maggio - 06:01
Per via dei protocolli anti-Covid i posti nei nidi d’infanzia sono meno e a Trento sono ben 300 le richieste che non sono state accolte. A [...]
Cronaca
16 maggio - 09:16
L'uomo è stato immediatamente denunciato per guida in stato di ebbrezza con l'aggravante di aver provocato, colpendo le suppellettili stradali, un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato