Contenuto sponsorizzato

Elezioni Levico, Remo Francesco Libardi e Patrick Arcais fanno il pieno di voti

Il candidato più votato è Patrick Arcais (Patto levicense) a 257, poi Remo Francesco Libardi di Impegno per Levico a sostegno di Acler

Di Luca Andreazza - 28 maggio 2019 - 17:35

LEVICO. E' testa a testa tra Tommaso Acler e Gianni Beretta a Levico, divisi da 62 voti e chiamati a misurarsi domenica 9 giugno al ballottaggio. Fuori dai giochi Enzo Latino del Partito democratico e Maurizio Dal Bianco del Movimento 5 stelle. 

 

Il candidato più votato è da Patrick Arcais (Patto levicense) a 257, seguito da Remo Francesco Libardi (Impegno per Levico a sostegno di Acler) e Moreno Peruzzi (Levico e frazioni al centro), liste queste ultime che appoggiano Beretta. 

 

Premiati anche Rossella Piazza e Emilio Perina (Patto levicense) capaci di raccogliere rispettivamente 111 e 106 voti, mentre Paolo Andreatta (Levico e frazioni al centro) si attesta a 140 unità. Buona performance anche per Laura Uez (Impegno per Levico) a 133 preferenze, mentre Claudio Lucca (Fare! Per Levico e frazioni) si ferma alla soglia del cento, 99 per l'esattezza. 

 

La lista più votata in linea generale è Impegno per Levico con 18,52%, quindi Patto levicense al 15,95%. La Lega in terza piazza al 15,14% e Levico futura al 13,13%. Il Partito democratico raccoglie l'11,26% delle preferenze e il Movimento 5 stelle il 9,22%.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 11:49

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

28 settembre - 15:55

Da questa mattina migliaia di utenti non possono né telefonare né connettersi a internet, PosteMobile: “Ci scusiamo, stiamo lavorando per ripristinare il servizio nel più breve tempo possibile”

28 settembre - 11:58

Le associazioni animaliste hanno organizzato un presidio al Casteller: “L’uccisione di Kj2 è frutto di una mancanza di educazione alla convivenza e al rispetto degli animali e la Provincia di Trento non riesce a dimostrare alcuna capacità e competenza nella gestione dei grandi carnivori”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato