Contenuto sponsorizzato

Fugatti: ''Medicina? C'è anche a Campobasso quindi andiamo avanti''. Dallapiccola: ''Frase ambigua. Il Molise, come il Trentino, rende bella l'Italia''

L'anima leghista del presidente della Provincia è, forse, riemersa inconsapevolmente durante la presentazione del super-robot dell'Azienda sanitaria andando ad utilizzare il capoluogo del Molise come termine di paragone. L'ex assessore al turismo preoccupato deposita un'interrogazione: ''Un'uscita infelice che rischia di creare ripercussioni nella reputazione della nostra provincia''

Di Luca Pianesi - 11 dicembre 2019 - 05:01

TRENTO. Sarà stata la vecchia anima leghista, quella che prima che diventassero gli ''immigrati'' il problema di tutto se la prendeva con i ''teroni'' (si ricorderà come non più tardi di qualche anno fa i leghisti gridavano ''Prima il Nord'' e difendevano lo slogan anche quando, già all'epoca, qualcuno dava loro dei razzisti, come si evince dal post qui sotto di Salvini, salvo poi farlo evolvere in un ''Prima gli Italiani'' che più che include si sforza di escludere nuovi ''nemici'') ma l'uscita del presidente della Provincia Maurizio Fugatti fatta ieri a conclusione della presentazione del super-robot acquistato dall'azienda sanitaria, davanti a medici, operatori del settore e giornalisti non ha lasciato indifferenti.

 

''La facoltà di medicina c'è anche a Campobasso, quindi avanti con convinzione e concretezza'', ha detto il numero uno della Provincia dopo aver ringraziato l'Apss per i grandi risultati raggiunti e la qualità dei servizi e della ricerca. Una frase riportata anche dal Trentino del 10 dicembre. Una frase che a tutti è suonata un po' come ''se ce l'hanno perfino a Campobasso perché non dovremmo averla noi''. Tolto il fatto che come argomentazione, ovviamente, non sta in piedi, men che meno in un contesto come quello, tra esperti del settore e professionisti, e che da un presidente della Provincia ci si aspetterebbe qualcosa di più articolato e strutturato di un ''ce l'hanno anche gli altri'', è l'ex assessore al turismo Michele Dallapiccola a depositare in aula un'interrogazione al riguardo.

 

Perché, quando parla un così alto rappresentante istituzionale, quanto detto viene, tendenzialmente, preso sul serio e quindi attenzione alle ''ripercussioni sulla reputazione del turismo Trentino verso il mercato Italia a causa delle affermazioni attribuite dalla stampa al presidente Fugatti''. Questo il titolo dell'interrogazione di Michele Dallapiccola che spiega come ''anche il Molise e il suo capoluogo Campobasso sono luoghi che rendono bella e attrattiva in tutto il mondo la nostra cara Italia. Lo fa (il Molise ndr), in particolare, dal punto di vista turistico e culturale esattamente come accade al Trentino dove il mercato Italia rappresenta oltre il 50 % dei nostri ospiti''.

 
''È per questo motivo - prosegue l'ex assessore provinciale al turismo - che considerazioni relative ai nostri connazionali dovrebbero essere particolarmente pesate e attente al rispetto di tutti specie dalla più alta delle istituzioni trentine e cioè il nostro presidente. Affermazioni come quelle comparse su un quotidiano locale nell'ambito di valutazioni relative all'università di medicina così come rappresentato nel virgolettato potrebbero essere percepite con la peggiore delle interpretazioni. Citare il fatto che l'università di medicina c'è anche a Campobasso rappresenta un'espressione che consideriamo assolutamente ambigua e infelice e potrebbe produrre ripercussioni nella reputazione della nostra provincia nocive anche alla scelta del dove effettuare le proprie vacanze''.

 

Di più, visto anche quanto diceva la Lega fino a qualche anno fa il rischio che quanto detto (perché possiamo già rispondere alla prima delle due domande poste da Dallapiccola: la frase, infatti, è stata pronunciata esattamente così come è riportata e non c'è stata nessuna forzatura da parte del Trentino) possa essere interpretato in quella chiave è grande: ''Se questa notizia andasse incontro ad un respiro più ampio rispetto a quello locale - aggiunge ancora Dallapiccola - potrebbe arrivare a configurarsi come un vero e proprio incidente diplomatico''.

 

E quindi ecco l'interrogazione: ''Se il presidente sia conscio dell'ambiguità della frase che gli viene attribuita. Nel caso di conferma della paternità della frase, se non ritiene sia il caso di scusarsi non solo con gli abitanti di Campobasso e del Molise ma con l'Italia intera per essersi lasciato andare a un'illazione di questo tenore''.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato