Contenuto sponsorizzato

Ghezzi e Coppola con i residenti delle valli di Fiemme e Fassa assediati dal traffico: “La mobilità va ripensata”

Nei giorni scorsi era stata l’associazione Transdolimites a sollevare per l’ennesima volta il problema che si ripresenta ogni anno in forma peggiore. I due consiglieri di Futura puntano il dito contro danni ambientali e disagi per turisti e residenti chiedendo alla Giunta quali scelte saranno messe in campo per trovare delle soluzioni

Di Tiziano Grottolo - 20 agosto 2019 - 13:38

TRENTO. Il problema dell’eccessivo traffico che attanaglia le valli di Fiemme e Fassa, e congestiona i passi dolomitici, è una questione irrisolta che da molti anni a questa parte offre parecchi crucci ai governi provinciali.

 

Nessuno, fino ad ora è riuscito a trovare una soluzione in grado di accontentare tutti, da un lato chi con i turisti lavora, dall’altro i residenti “prigionieri in casa propria” del traffico automobilistico che, tanto nella stagione estiva quanto in quella invernale, mette a dura prova le arterie stradali di queste zone.

 

Nei giorni scorsi era arrivata la nota di Massimo Girardi, presidente dell’associazione Transdolomites, che denunciava una situazione: “Di ordinaria follia”. Evidenziando come, per percorrere il breve tratto di strada che divide Soraga e Pozza di Fassa, servano ormai 35 minuti: “I turisti sono arrabbiati e rasseganti e vengono a sfogarsi sui nostri social”, fa notare Girardi.

 

Ora anche i consiglieri di Futura, Paolo Ghezzi e Lucia Coppola, sono intervenuti sulla questione: “Quello della mobilità è un problema cruciale per i nostri territori montani – si legge nella nota che cita anche la protesta degli ambientalisti a Passo Sella di qualche giorno fa – durante la stagione dello sci e nei mesi estivi le nostre strade sono prese d’assalto dalle auto. Il numero di veicoli privati, soprattutto turistici, aumenta di anno in anno, mettendo a dura prova la viabilità e la sostenibilità delle nostre valli”.

 

In questa partita ci perdono tutti, tanto i turisti quanto i residenti, Ghezzi e Coppola individuano la possibile soluzione nel ripensamento complessivo della mobilità, in particolare attraverso l’incentivazione del trasporto pubblico e la realizzazione di infrastrutture per la mobilità pubblica.

 

“Si ritiene quindi necessario rideterminare l’intera mobilità delle valli dell’Avisio – scrive Futura – eliminando l’inquinamento da traffico e gli ingorghi durante le stagionalità turistiche e promuovendo la sostenibilità ambientale e turistica dell’intera zona, che verrebbe ulteriormente valorizzata”.

 

Nel tempo si sono alternate mozioni che impegnavano la giunta a trovare delle soluzioni per un piano di mobilità alternativa, ma anche studi che ponevano dei dubbi sulla sostenibilità economica della realizzazione di un eventuale ferrovia.

 

“Passano gli anni – concludono Ghezzi e Coppola – ma soluzioni non se ne sono trovate e si moltiplicano le lamentele dei residenti e turisti che si trovano a viaggiare su strade intasate dal traffico e chiedono a gran voce servizi e infrastrutture su ferro e fune”.

 

Per questo i due consiglieri di Futura hanno interrogato la Giunta per conoscere quali strategie verranno elaborate per far fronte a questi problemi, magari rivalutando la possibilità di realizzare un collegamento ferroviario con una soluzione che sia sostenibile dal punto di vista finanziario.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 18:57

Per il presidente della Provincia "Le decisioni che abbiamo adottato hanno garantito la gestione regolare della situazione. Sono state decisioni equilibrate, prudenziali e preventive, per un territorio che confina con Lombardia e Veneto, le due regioni in Italia dove si sono manifestati focolai del contagio"

27 febbraio - 12:19

Gli autonomisti presentano una mozione per aderire al Manifesto della comunicazione non ostile: “In questo periodo di forte conflittualità è tempo di arginare la dilagante violenza verbale che coinvolge anche alcuni esponenti della politica, speriamo che la nostra proposta venga condiviso anche dalla Giunta”

27 febbraio - 17:02

Quattro “sì” per la crew trentina dei Powa Tribe che approda così in finale di Italia’s Got Talent 2020. La compagnia ha conquistato giudici e pubblico con una performance dove ballo e poesia si sono mescolati per raccontare l’amore ai tempi dei social

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato