Contenuto sponsorizzato

Il Partito democratico trentino è un guscio vuoto. Tra pochi mesi c'è il congresso ma il dibattito è azzerato

Nessuna idea sui candidati alle elezioni suppletive o sulla coalizione che si presenterà per le elezioni comunali del 2020. Unica novità l'adesione al Pd di Silvano Bert, storico esponente della sinistra cattolica: ma una rondine non fa primavera

Di Donatello Baldo - 09 gennaio 2019 - 20:42

TRENTO. Qualcuno ci crede ancora, forse ci spera. Nel gelido inverno del Partito democratico, anche di quello trentino, qualche rondine si aggira, ma non fa certo primavera. Non sarà infatti l'adesione di Silvano Bert che cambierà le cose, seppur molto accorata e sincera, desiderosa di partecipare per poter rispondere politicamente e culturalmente al vento di destra che soffia anche qui.

 

Il cattolico di sinistra, l'ex insegnante dalla lunga militanza, ha scritto una lettera in cui annuncia la sua iscrizione al Pd, nel tempo in cui più nessuno fa la tessera. Punta sui democratici, in nome dei migranti che aiuta alla Residenza Fersina. "Nel '73 la mia iscrizione al Pci non era certo una notizia, quella di oggi al Pd forse lo è", scrive Silvano Bert (sotto il testo integrale della lettera).

 

E' una notizia, infatti, perché è controtendenza. Perché decide di portare politica e partecipazione dentro un guscio vuoto, lì dove politica e partecipazione non ci sono più. Qualcuno sa per caso che il 3 marzo c'è il congresso del Partito democratico? C'è a livello nazionale, ma c'è anche sul piano provinciale.

 

Qualcuno sa di assemblee in cui si dibatte tra le varie mozioni e si discute sul futuro del Trentino? Qualcuno ha sentito di candidati alla carica di segretario tra gli esponenti locali del partito? E pensare che la scadenza per depositare i nomi è ormai vicina, il 25 di gennaio. Tutto tace, le riunioni sono vuote, i militanti sono stanchi. Chi guiderà il Partito Democratico del Trentino? Quale squadra, con quali idee? Nulla si sa. 

 

Stiamo parlando del secondo partito in Consiglio provinciale, che nella scorsa legislatura aveva la maggioranza relativa. Del partito che esprimeva il candidato presidente, deputati e senatori. Del Partito democratico che per vent'anni è stato alla guida del Trentino con il centrosinistra autonomista. Che ha perso le elezioni, è vero, ma che ha eletto comunque cinque consiglieri, che guida la città di Trento e altre importanti amministrazioni.

 

Un partito che dovrà decidere quali nomi candidare per le elezioni suppletive nazionali che si svolgeranno a maggio, assieme alle europee. Che dovrà discutere delle elezioni comunali del 2020. Che deve fare opposizione, perché serve anche quella nell'equilibrio democratico.

 

"E' un guscio vuoto", lo dicono gli stessi militanti che si meravigliano che il guscio ci sia ancora. Non c'è un segretario dopo le dimissioni di Giuliano Muzio. Non c'è un presidente dopo le dimissioni di Donata Borgonovo Re. Non c'è nulla, nemmeno la voglia di immaginare cosa succederà tra qualche mese. Si aspettano gli eventi.

 

Sul segretario, sul nome da mettere al timone del partito, nessuno si fa avanti. Non tra i consiglieri provinciali, non tra i giovani che nella scorsa estate hanno determinato la linea politica con il no al Rossi bis. Si chiederà a qualcuno per favore, di volersi prendere il fardello che nessuno vuole. Senza impegno, e soprattutto senza idee.

 

E proprio queste servirebbero in questo momento, perché le sfide sono molte e sono già sul calendario. Si diceva delle suppletive e delle elezioni comunali. Con chi si presenta il Partito democratico: con il Patt? da solo? con Futura? Si tenta di ricostruire una coalizione o si perde a tavolino lasciando alla Lega tutto quanto c'è a disposizione, dai deputati al futuro sindaco di Trento?

 

A qualcuno importa? C'è qualcuno che ha intenzione di tornare a far politica e di immaginare? Il rischio è che Silvano Bert rimanga solo, da solo dentro un guscio vuoto, l'ultimo iscritto del Partito democratico trentino.

 

Questa la sua lettera di adesione:

A Claudio Forti dobbiamo essere grati per la franchezza. Di “autentica cultura cristiana”, impegnato nel “recupero dei valori dei nostri padri”, confessa a Vita Trentina, in dissenso da papa Francesco e dal vescovo Lauro, la ragione del suo voto alla Lega: sono superati i “dogmi” del dialogo (fra le religioni) e dell'accoglienza (degli immigrati).

 

Io sono grato anche a Lassine Diarra. Quando alla Residenza Fersina leggiamo sul libro che è di 80 anni l'età media della vita in Italia, e di 45 nel Mali, il giovane musulmano si interrompe: “Il libro è vecchio, oggi nel Mali è di 55, perché muoiono meno bambini”. Parla sottovoce, perché l'abisso resta grande, ma con orgoglio, perché quello, da dove è dovuto emigrare, è il suo paese. Per me è un'autentica lezione di senso civico e storico. Oggi Lassine studia meccanica all'Enaip, fa il servizio civile in una casa di riposo, attende la legge sullo jus soli. I molti Lassine per Maurizio Fugatti non sono che fantomatici trentini che per stare meglio pretendono di trasferirsi a Montecarlo. Per questo è sicuro che migliaia di cattolici, e molti preti delle valli, la pensano come Forti. E il crocifisso diventa un simbolo identitario da brandire contro l'invasione dei musulmani, e in difesa della famiglia naturale minacciata dal gender.  

 

Questo ragionare leghista, inatteso nelle proporzioni dell'urna, mi fa tornare alla mia giovinezza, quando ho aperto gli occhi alla politica. Nel '68, “operai e studenti uniti nella lotta”, immaginavamo l'utopia a portata di mano, “ognuno secondo le sue capacità, a ognuno secondo i suoi bisogni”. Insegnanti e studenti si riunivano in assemblee affollate, accese, fino a notte inoltrata. Dal movimento spontaneo nasceva la scuola serale per gli operai, senza dirigenti, orari, e programmi. Fu una fiammata. Nel '73 mi iscrissi al Partito comunista, un corpo vivo e massiccio in cui l'utopia entrava ogni giorno in tensione con il realismo: assemblee e consigli scolatici, giornali e manuali, conflitti e alleanze. Lettera a una professoressa e la grammatica. Leggevo Sette Giorni, Critica marxista e Testimonianze di Ernesto Balducci. Nasceva l'Invito di Piergiorgio Rauzi. Io e Laura celebrammo il matrimonio non concordatario, prima in municipio, poi in chiesa.

 

  In quei quindici frenetici anni ho fatto opposizione (costruttiva, mi auguro) nelle istituzioni, dalla circoscrizione al comune, dall'ospedale all'università, ma oggi ricordo soprattutto le cento assemblee in difesa delle leggi del divorzio ('74) e dell'aborto ('81). Le  persone erano attente, problematiche, combattive. Molti cattolici, in dissenso dai papi e dai vescovi, autonomi nel voto al referendum, riconobbero il pluralismo etico della società e contribuirono alla laicità dello Stato. Sull'onda del Concilio Vaticano II imparammo a distinguere la politica dalla religione. Conobbi Paolo Prodi e Mario Gozzini. Il vescovo Luigi Bettazzi e Enrico Berlinguer si scambiarono lettere discusse in altre cento assemblee.

 

Poi, complice il terrorismo, il riflusso nel privato, la politica finisce in un vicolo cieco. Poi la svolta che unifica il mondo: nel 1989 cade il Muro a Berlino, senza spargimento di sangue, e l'anno dopo l'Onu dichiara che l'omosessualità non è una malattia. Corrono le tecnica e l'economia. La politica soffre, arranca, ma si rimette in moto, il cantiere dell'Europa riprende vigore. In Italia si incontrano finalmente le due storie, della sinistra operaia e del cattolicesimo democratico, che la guerra fredda aveva tenuto divise. Io, con simpatia critica, disincantato, da esterno, ne accompagno il cammino, avvelenato da personalismi e scissioni, fino all'approdo nel Partito Democratico. Alle elezioni del 2013 do la mia preferenza, pubblica, a Bruno Dorigatti e a Donata Borgonovo Re, che non sanno, non possono, corrispondere alle attese. Chiamati oggi a confronto, concordano però che non è finita la storia.

 

Io più che alle manovre dei leader preferisco guardare alla società. Sono tali il disorientamento e la paura indotti dall'arrivo degli immigrati che nel 2018 anche i trentini affidano alla Lega il governo della Provincia. “Prima i trentini” è un “buon senso” che tenta la società intera. La comunità cristiana al rischio è la  più esposta: Claudio Forti si ritiene un cristiano autentico. Il no al Cinformi e alla moschea, all'educazione sessuale e di genere è il respingimento del pluralismo sociale, culturale, religioso. Il video dell'altalena nel parco, un'opera d'arte, è oggetto d'indagine disciplinare. “Il crocifisso a scuola non dà fastidio a nessuno”, sentenziano il ministro Bussetti e l'assessore Bisesti.

 

Ci abbandoniamo al pessimismo? A Trento, nella “giornata per la pace”, nella chiesa dei Cappuccini, il diritto alla moschea ottiene un applauso non unanime, ma consistente. Che si ripete nella chiesa di Sant'Antonio per la festa delle coppie, dopo la preghiera per il riconoscimento delle nuove famiglie, anche quelle arcobaleno.

 

Forse anche il mio granello di sabbia può essere utile. Decido di iscrivermi al Partito Democratico. Partito è riconoscersi “parte” del popolo, un corpo fragile sopravvissuto nella luce e nelle intemperie del mondo globale, senza un'utopia da sbandierare, né un realismo consolidato da praticare. Non torneranno le assemblee affollate di quarant'anni fa. Può essere il PD una casa in cui dialogare, per costruire una società a identità plurale? Non da solo, ma con altri. Nel pensare con speranza sono avvantaggiato dall'essere figlio di emigranti e discendente dai Longobardi, barbari ariani. So bene per altro che io non vedrò mai realizzati due obbiettivi a cui tengo: l'abolizione dell'ergastolo e l'insegnamento laico, per tutti, di storia delle religioni. Eppure non smetto di parlarne.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato