Contenuto sponsorizzato

A Bolzano i leghisti dicono ''no'' al provvedimento di Fugatti. Il Team K: ''L'Urban pass va bene solo a Trento e Rovereto? Grazie Svp, grazie Lega''

Promosso in Trentino con grande risalto mediatico sia su Trento che su Rovereto, il pedaggio gratuito per i residenti in A22 sulle tratte cittadini, in Alto Adige non passa nonostante anche il sindaco Cremaschi fosse favorevole

Pubblicato il - 06 febbraio 2020 - 10:51

BOLZANO. Alla Lega dell'Alto Adige non piace quanto fatto dalla Lega del Trentino e allora meglio votare con l'Svp pur di non far creare attriti interni alla maggioranza facendo passare uno dei provvedimenti più mediatici e popolari portati avanti dalla giunta Fugatti, a Trento. Stiamo parlando del cosiddetto Urban Pass che permette ai residenti dei centri maggiori (Trento prima e Rovereto adesso) di transitare gratuitamente sull'A22 nelle tratte che permettono di sgravare il traffico urbano. 

 

''Un’utile misura - spiegano i rappresentanti del Team Köllensperger - per decongestionare il traffico di BolzanoA Trento? Benissimo. A Rovereto? Appena replicato. A Bolzano invece niente, Svp e Lega non ritengono opportuno votare mozioni del Team K, a prescindere dal merito delle proposte. L’Urban pass, il pedaggio gratuito sui tratti autostradali che attraversano i centri urbani maggiori, il presidente leghista Fugatti l'ha introdotto per Trento e Rovereto, vantandosi della convenzione siglata. Ma per Bolzano la Lega altoatesina, chissà perché, vota contro. Sappiamo tutti che l’aria del capoluogo è molto inquinata e in questo senso i recenti gridi di allarme del direttore del laboratorio analisi aria dell’Appa Luca Verdi sono stati chiarissimi, perché non agire quando è possibile?''.sono con

 

''La mozione - spiegano sempre dal movimento fondato da Paul Köllensperger che alle ultime provinciali è risultato il secondo partito più votato dopo l'Svp - mirava a permettere al cosiddetto traffico di transito di attraversare la città nel modo più rapido e quindi ecologico possibile. Un buon incentivo per chi vuole andare da nord a sud o viceversa, prendendo l'A22 e bypassando quindi le strade cittadine senza intasarle ulteriormente. Non si tratterebbe di una soluzione con un impatto determinante sul problema, considerato il numero relativamente esiguo di auto che avrebbe coinvolto; avrebbe avuto però il pregio di poter essere implementata in tempi brevi e di dare quindi un'immediata risposta all'emergenza sanitaria con cui convivono i bolzanini da troppi anni. 

 

Il Team K. prosegue raccontando come il sindaco Caramaschi avesse definito la proposta "una boccata di ossigeno" e che invece avevano avuto delle perplessità e in aula si sono divisi. ''E la Svp, altro partner di Giunta del sindaco, ovviamente non può che schierarsi contro il Team K - concludono - per voce di Lanz, nonostante proprio gli artigiani diretti in zona industriale sarebbero tra i maggiori beneficiari della mozione. Le positive esternazioni degli assessori Alfreider e Bessone? Chi se ne importa, la mozione va respinta. Meglio che pendolari, lavoratori e artigiani stiano in coda a Bolzano sud o paghino il pedaggio. Grazie Svp, grazie Lega''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 17 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
17 gennaio - 19:36
Tra il 2015 e il 2021 l’indice medio dei prezzi è cresciuto in Trentino di 5,6 punti percentuali, mentre in Italia ci si attesta a +4,2%. [...]
Cronaca
18 gennaio - 11:54
Con i tanti non vaccinati sul territorio l'Alto Adige rischia di essere un territorio che farà fatica a rendere endemica la presenza del virus e [...]
Politica
18 gennaio - 13:03
Il consigliere della Lega, Denis Paoli, ha chiesto le dimissioni due due esponenti dei Süd-Tiroler Freiheit: "Fino a prova contraria – [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato