Contenuto sponsorizzato

Agricoltura, l'assessora replica ai sindacati: ''Nessuna scorciatoia. A breve ulteriori iniziative per giovani, cassa integrati e disoccupati''

L'assessora replica ai sindacati sulla questione dei lavoratori provenienti dall'estero e impegnati nel comparto agricolo. La richiesta di Cgil, Cisl e Uil è quella di seguire Bolzano e eseguire tamponi a tutti

Di L.A. - 06 agosto 2020 - 19:59

TRENTO. "Le affermazioni di Cgil, Cisl e Uil non corrispondono alla realtà dei fatti", questa la replica dell'assessora Giulia Zanotelli, che aggiunge: "Spiace, infatti, che non venga minimamente citato il grande lavoro che ormai da mesi la Provincia ha messo in atto assieme a sindacati agricoli, mondo produttivo, Ebta, parte sanitaria e Agenzia del Lavoro, a partire dall'attivazione di una lista dedicata al lavoro in agricoltura".

 

L'assessora replica ai sindacati sulla questione dei lavoratori provenienti dall'estero e impegnati nel comparto agricolo. La richiesta di Cgil, Cisl e Uil è quella di seguire Bolzano e eseguire tamponi a tutti (Qui articolo). "Giova ricordare che siamo in una situazione delicata dal punto di vista epidemiologico - prosegue Zanotelli - vista anche la situazione nell'Est Europa, in particolare Romania, e spiace constatare che siano proprio i sindacati a non mostrare attenzione sufficiente verso questo aspetto. Fondamentale risulta poi rispettare i protocolli e, da questo punto di vista, le affermazioni a non volerli rispettare sono gravi e testimoniano una strumentalizzazione del tema da parte delle tre sigle sindacali".

 

L'assessora informa inoltre che a breve sarà attivata un'ulteriore iniziativa comunicativa rivolta, in particolare, ai giovani, ai cassa integrati e ai disoccupati. Si lavora poi a ulteriori strumenti quali i contratti di rete, a partire da un progetto pilota attivato dalla Federazione trentina della Cooperazione e su un progetto che punta a un maggior coinvolgimento dei giovani nell'attività agricola.

 

"L'impegno, forte e convinto, nel senso di dare in primo luogo agli italiani o comunque a chi è già presente regolarmente nel nostro Paese, la possibilità di lavorare non può essere considerato uno 'strumento iniquo' - dice l'assessora -  ma costituisce un segnale di attenzione verso il mondo del lavoro trentino, verso le esigenze di disporre di manodopera espresse dal mondo agricolo, con grande attenzione alla parte sanitaria che, in particolare nella fase che stiamo attraversando, non può in alcun modo essere sottovalutata".

 

Sono ancora tante le incertezze per il comparto. "Sono percorsi di innovazione non facili, che si innestano su una situazione che si è determinata nel corso degli anni, rispetto alla quale la pandemia da Covid 19 sta causando cambiamenti radicali. Per questo le soluzioni devono esprimere la capacità di contemperare le diverse esigenze, quelle economiche, quelle sociali e quelle preminenti della salute pubblica, il tutto nel pieno rispetto del quadro normativo vigente. Parlare di scorciatoie a fronte di questo quadro - conclude Zanotelli - denota una visione parziale e non corretta del problema". 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 aprile - 06:01
Il presidente della Commissione rifugi della Sat, Sandro Magnoni, spiega che i gestori delle strutture sono pronti a riaprire con le regole dello [...]
Cronaca
11 aprile - 08:22
E' stato aperto un fascicolo per omicidio preterintenzionale. E' un atto dovuto per arrivare ad un completo chiarimento di quello che è successo
Cronaca
11 aprile - 07:38
L'Unione distrettuale di Mezzolombardo: "Un ringraziamento a tutti i Corpi intervenuti, un plauso ai piloti del nucleo elicotteri per l’ottimo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato