Contenuto sponsorizzato

Al posto dei Mercatini in piazza un mercato diffuso sul territorio trentino con un'App che rilancia il turismo sostenibile

La proposta arriva dal Patt e prevede la nascita di un nuovo canale di vendita, all’interno degli spazi dei piccoli produttori del settore agroalimentare, per creare un mercatino diffuso su tutto il territorio trentino. Il progetto potrebbe sopperire alla mancanza dei Mercatini di Natale, così come accogliere una nuova modalità di turismo sostenibile

Di Laura Gaggioli - 10 November 2020 - 15:49

TRENTO. "La provincia promuove l’accoglienza turistica attraverso il settore agroalimentare quale elemento strategico per l’offerta commerciale complessiva del territorio". Da questo contesto nasce la proposta di legge presentata dal Patt, nella persona del consigliere Michele Dallapiccola e del capogruppo Ugo Rossi, con l’obiettivo di rendere le piccole realtà territoriali della filiera agroalimentare, il nuovo traino dell’economia e del turismo trentino. Lo slogan dell'iniziativa: istituire una Rete di promozione agroalimentare provinciale.

 

Un elemento di diversificazione aziendale, da aggiungere alle realtà operanti sul territorio, tramite la creazione di un canale di vendita diretto: un corner all’interno dell’azienda di ogni piccolo produttore dove accogliere il cliente, ma anche uno spazio virtuale tramite una App che catalizzi tutti i produttori agroalimentari trentini, geolocalizzandoli e inserendoli nella rete di promozione. 

 

Con questa proposta il Patt intende quindi creare una sorta di mercato diffuso, che non si giochi più solo negli abitudinari spazi fieristici, oggi inaccessibili per causa della pandemia, ma anche tramite un percorso dislocato su tutto il territorio,  che possa portare ad una nuova idea di turismo. Un turismo che porti le persone a cercare i produttori e conoscerli nei loro luoghi, lì dove i loro prodotti hanno origine e si trasformano.

 

Così, di vigna in vigna, di campo in campo, di allevamento in allevamento, una fitta rete, fatta di connessione, rapporti, degustazioni ed esperienze dentro il territorio, andrà a crearsi, inducendo il turista a esplorare il territorio e ad apprezzarne ogni sfumatura culinaria, culturale e paesaggistica.

 

“Un progetto che potrebbe partire già da oggi - sottolinea Dallapiccola - per sopperire alla mancanza dei mercatini di Natale. Un modo per sostenere tutte quelle realtà toccate dall’emergenza, sanitaria quanto economica. Ma si tratta anche di una nuova proposta turistica permanente”.

 

“Per questo ci vogliono infrastrutture adeguate - interviene Rossi - così come corsi di formazione per gli attori del mondo agricolo e un canale di promozione sia interna che esterna la regione, tramite un app del sistema turistico trentino. Le possibilità finanziarie dedicate ci sono, ora manca la rete e un percorso di marketing studiato apposta per questa nuova realtà''.

 

La fattibilità finanziaria potrebbe infatti essere garantita dalla Giunta grazie alle leggi provinciali 6/1999 (legge sugli incentivi alle imprese) e 4/2003 (legge sull’agricoltura), che stabiliscono contributi per gli investimenti fissi e il coordinamento delle politiche di valorizzazione dei prodotti agroalimentari del Trentino.

 

“Sta ora alla Giunta decidere cosa fare con questa proposta - conclude Dallapiccola - se sposarla e renderla un progetto proprio o meno. Noi, come gruppo di opposizione, continuiamo con il nostro lavoro di controllo così come nell’individuazione di nuove opportunità che vadano a valorizzare il nostro territorio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 January - 10:32

Il Dolomiti vi accompagna in un viaggio tra i luoghi della musica in Trentino, con delle video-interviste in cui le band locali si raccontano, tra la speranza di sfondare gli angusti confini provinciali e le difficoltà di suonare nelle valli. Davide Leveghi e Aaron Giordani cercano dunque di rispondere a una domanda: dove si trova il rock in Trentino?

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato