Contenuto sponsorizzato

Ballottaggi, Zaia in Trentino per sostenere la destra: ''Votate il candidato non il partito politico''

Una mattinata del governatore veneto tra Rovereto e Riva del Garda con il presidente Fugatti e il segretario Bisesti. Zambelli, candidato a Rovereto, "C’è una forbice importante tra la destra e il centrosinistra, ma tranquilli: quel voto non rappresenta la volontà della città, che verrà espressa solo dal ballottaggio di domenica" 

Di Marianna Malpaga - 30 settembre 2020 - 15:00

TRENTO. “Al primo turno si votano i partiti, al secondo invece la persona”. Luca Zaia è arrivato oggi in Trentino per promuovere i candidati sindaco della destra nei comuni al ballottaggio domenica 4 ottobre.

 

Accompagnato dal presidente Fugatti e dal segretario della Lega Bisesti, Zaia ha passato la mattinata tra Rovereto e Riva del Garda, due dei comuni dove la destra spera di poter conquistare la vittoria.

 

“In Veneto – ha spiegato Zaia – ci hanno votato un sacco di persone che prima davano la preferenza al Partito Democratico e anche tanti grillini, che ora sono spariti dal Consiglio regionale. Alle regionali infatti non voti una casacca politica: voti le persone”.

 

Zaia ha ottenuto un 77% alle elezioni regionali venete, come ha ricordato più volte. “Una grande responsabilità – ha affermato -. Ma ne ho una ancora più grande: rappresentare anche gli elettori che mi hanno votato in questa occasione ma che probabilmente tra cinque anni torneranno a sostenere il loro partito di riferimento”.

 

Il governatore del Veneto ha poi rivolto un invito a non abbassare la guardia sul Coronavirus. “Ne verremo fuori – ha esortato -, siamo nella fase della convivenza, però è fondamentale che tutti portino la mascherina, tutelando la propria salute e quella degli altri. In Veneto sono arrivati test rapidi – ha aggiunto -, che sono merito mio, li ho testati io. Grazie a questi test, in 6-7 minuti si ha l’esito del tampone in qualsiasi luogo, senza bisogno di andare nei laboratori. Si entrerà con questi test anche nelle scuole, togliendo così l’ansia ai genitori. Usciremo dalla pandemia velocemente solo se facciamo un lavoro di comunità”.

 

Oltre ai candidati sindaco della destra, hanno preso parola anche Bisesti e Fugatti. “Questa tornata elettorale – ha affermato Fugatti – è stata descritta come difficile per la Lega. Io però tiro indietro il nastro a cinque anni fa: fatta eccezione per Trento, dove abbiamo perso nelle stesse modalità in cui si è perso quest’anno, si può dire che la Lega va al ballottaggio in comuni dove il centrosinistra aveva sempre vinto nettamente. Sono dati che ci sembra giusto riportare”.

 

Secondo il candidato sindaco della destra Andrea Zambelli, il ballottaggio di domenica potrebbe aprire degli scenari completamente diversi rispetto al voto del primo turno. “Abbiate fiducia – ha detto -. C’è una forbice importante tra la destra e il centrosinistra, ma tranquilli: quel voto non rappresenta la volontà della città, che verrà espressa solo dal ballottaggio di domenica. Non è il secondo tempo di una partita già iniziata: è una gara completamente diversa, dove non ci sono élite e partiti. Ci sono solo i candidati sindaco con le loro idee. Io ne ho, mentre gli altri vogliono solo servirsi della città per arrivare poi alla Provincia”.

 

A Riva del Garda, Zaia ha commentato positivamente l’apparentamento tra la candidata della destra Cristina Santi e il Patt con Mauro Malfer. “È fondamentale avere alleati”, ha sostenuto il governatore veneto. “Avete l’occasione di votare per un sindaco donna – ha aggiunto -, che rappresenterebbe uno spunto in più: effettivamente le donne sono più brave, e ve lo dice uno che ha più di 500 Comuni”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato