Contenuto sponsorizzato

Elezioni in Veneto, prima proiezione: Zaia al 73,50%. La ministra Lamorgese: ''Garantito il voto a tutti gli italiani"

La prima proiezione sul 5% Lorenzoni sostenuto dal centrosinistra si ferma a circa il 16%. Ci sono state circa 3097 richieste di poter votare da casa per coloro che erano in trattamento domiciliare, in quarantena o isolamento fiduciario

Pubblicato il - 21 settembre 2020 - 17:13

VENEZIA. Sembra ormai scontata la riconferma del presidente del Veneto Luca Zaia. L'affluenza finale è di circa il 61% con quattro punti percentuali rispetto al risultato delle scorse regionali (57). Padova è stata la provincia con il maggior numero di elettori che si sono portati ai seggi seguita da Verona, Venezia e Vicenza. 

 

Per quanto riguarda le prime proiezioni (Swg) che riguardano il 5% (errore statistico dell'1,78%)  Luca Zaia sostenuto dal centrodestra è al 73,50% mentre Arturo Lorenzoni sostenuto del centrosinistra 16,70%. Il Movimento 5 Stelle, Enrico Cappelletti è al 4,20%

 

Si tratta della prima proiezione e stanno proseguendo gli scrutini. 

 

Intanto da Roma la ministra dell'Interno Lamorgese è intervenuta sull'andamento corretto della votazione. “Queste elezioni sono state particolarmente complesse – ha affermato davanti ai giornalisti – ma la macchina dello Stato è andata avanti. E' stata una prova impegnativa per tutti noi”. 

 

Ci sono state circa 3097 richieste di poter votare da casa per coloro che erano in trattamento domiciliare, in quarantena o isolamento fiduciario.  “Lo sforzo è stato capillare – ha concluso la ministra – abbiamo garantito il diritto di voto a tutti gli italiani. E' stato un grande servizio al Paese”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato