Contenuto sponsorizzato

Case Itea, Ianeselli: ''La soluzione non è creare rivalità tra popolazione ugualmente in difficoltà''. I sindacati: ''Mesi che aspettiamo di incontrare l'assessora''

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

Di Luca Andreazza - 17 febbraio 2020 - 19:45

TRENTO. "Non è attraverso il taglio delle famiglie extracomunitarie dalle graduatorie per il sostegno al canone d’affitto e dalle graduatorie Itea che si risolve il fabbisogno abitativo dei trentini". Così Andrea Grosselli (Cgil), Michele Bezzi (Cisl) e Walter Alotti (Uil), che aggiungono: "L'unica strada per dare risposte ai cittadini è avviare una coraggiosa politica della casa, investire sulla nuova costruzione di alloggi pubblici e sulla ristrutturazione del patrimonio esistente".

 

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti. Nel 2019 sono stati assegnati 340 appartamenti, circa l'11% delle domande pervenute e 4.117 contributi pubblici. Una platea per il 91,2% composto di italiani, 2,7% comunitari e 6,1% extra europei.

 

"La Giunta provinciale - proseguono Grosselli, Bezzi e Alotti - non vuole aprire un confronto. Sono passati mesi da quando abbiamo chiesto un incontro formale con l'assessora Stefania Segnana e non abbiamo ancora ottenuto riscontri. Chiediamo ancora alla titolare della delega sulle politiche abitative di poter entrare nel dettaglio degli ultimi dati relativi alle domande raccolte fino a questo momento per la casa Itea e l'integrazione al canone". 

 

La Giunta Fugatti ha stabilito che sono obbligatori 10 anni di residenza in Italia per poter accedere all’assegnazione di un alloggio popolare. "Solo se si parte dai numeri reali - spiegano i sindacati - si può quantificare l’impatto della stretta imposta da piazza Dante, che ha prodotto qualche risparmio per la cassa della Provincia: non ci sono state risposte per i trentini che hanno bisogno di una casa e ha escluso le famiglie non comunitarie. Un bilancio in cui c’è poco da vantarsi".

 

Le parti sociali rilanciano anche la proposta dell’Osservatorio sulle politiche abitative. “Doveva rappresentare il primo punto di partenza - evidenziano Cgil, Cisl e Uil - per avviare una riflessione costruttiva e oggettiva in materia, ma non è stato ancora avviato nulla. Sollecitiamo nuovamente assessorato e Itea a prendere in mano questa partita per aprire un confronto nel tentativo di costruire insieme risposte efficaci e non solo di mera propaganda".

 

I tre sindacati intervengono infine sul canone moderato, “risposta importante” per rispondere al fabbisogno abitativo di tanti cittadini che non trova sul libero mercato soluzioni accessibili, ma hanno un reddito sopra le soglie del canone sociale. “E’ opportuno - aggiungono Grosselli, Bezzi e Alotti - investire con determinazione anche su questo fronte, invece non sappiamo se è stata rinnovata la convenzione con le finanziarie per portare a termine il piano triennale di housing sociale".

 

Interviene anche il candidato sindaco per il centrosinistra e il Patt. "La giustizia si esprimerà sulla legittimità di questa scelta e sui ricorsi presentati - commenta Franco Ianeselli - ma non ho timore nel considerare questa decisione come politicamente sbagliata. Se esiste una domanda importante di alloggi popolari, e se il pubblico fatica a dare risposta ampia e positiva, quella di irrigidire i requisiti d’accesso in modo che una categoria risulti maggiormente esclusa a beneficio di un’altra per la quale l’accesso diventa più agevole, è una scorciatoia politica che finisce per aumentare i disagi, creando rivalità tra fasce di popolazione ugualmente in difficoltà".

 

Un provvedimento con il respiro corto. "La politica - conclude Ianeselli - non ha il compito di acuire le differenze e aumentare le difficoltà, la politica ha il compito di trovare gli strumenti più adeguati per dare risposta ai bisogni della popolazione. Se l'offerta attuale non è sufficiente vanno aumentati gli alloggi, non ridotte le famiglie che possono sperare di ottenere una casa".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 aprile - 13:28

Nell'ambito del progetto In Marcia per il Clima, una ricerca dell'Osservatorio Balcani Caucaso permette di analizzare tramite delle infografiche l'andamento dell'innalzamento delle temperature in Italia attraverso le diverse lenti dei Comuni, delle Province e delle Regioni. Da questo studio emerge come il Comune più interessato sia Martello in provincia di Bolzano (+4,5ºC), mentre il Trentino-Alto Adige rappresenti la seconda regione più interessata dall'aumento medio delle temperature

08 aprile - 13:24

Il sottosegretario alla Difesa Calvisi ha risposto alle interrogazioni del Question time spiegando l'impegno messo in campo dalle forze armate. Oltre 24000 i militari dispiegati sul territorio, 111 le strutture messe a disposizione e quasi 3000 i mezzi messi a disposizione tra bus, ambulanze, elicotteri, velivoli e autocarri

08 aprile - 00:27

Paradossalmente proprio quegli ambiti che magari hanno viaggiato a fari spenti potrebbero rilanciarsi meglio e più rapidamente per strutture snelle e possibilità di contarsi e decidere in tempi stretti, quei territori paradossalmente che verrebbero sacrificati in nome e per conto del milione di presenze e cinque fatturati nella riforma sul turismo. Paoli: "La situazione è difficile ma gli operatori sono uniti e quando sarà il momento ripartiremo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato