Contenuto sponsorizzato

Contributi al turismo, Grosselli: “Le risorse esistono solo sulla carta, è arrivato prima il comunicato della legge”

La Giunta annuncia i contributi a fondo perduto per le assunzioni di personale a tempo determinato nei settori legati al turismo e del commercio ma la legge non c’è ancora, la protesta della Cgil: “Troppo spesso il governo provinciale evita il confronto e decide in maniera unilaterale senza coinvolgere la controparte sindacale”

Di Tiziano Grottolo - 18 luglio 2020 - 11:13

TRENTO. Si tratta di un contributo a fondo perduto del valore di 15 milioni, pensato dalla giunta Fugatti per le assunzioni di personale a tempo determinato nei settori legati al turismo e del commercio a copertura della stagione estiva 2020. “Una misura per aiutare gli operatori economici che, nonostante l'incertezza sull'andamento della stagione cercano di offrire un servizio di alta qualità, con effetti sicuramente non secondari sull'economia e sul mercato del lavoro locale” ha commentato l’assessore Achille Spinelli annunciando la misura.

 

La misura in questione è stata annunciata durante la conferenza stampa di ieri, 17 luglio, e suffragata da un comunicato che spiega nel dettaglio modalità e consistenza dei contributi. Peccato però, come riportato nella stessa nota della Giunta, che si tratti di una “previsione normativa inserita nell’assestamento di bilancio che sarà approvato dal Consiglio provinciale a fine luglio”. Ergo il provvedimento non ha ancora ottenuto il via libera del Consiglio provinciale.

 

“Questa Giunta – punta il dito Andrea Grosselli, segretario della Cgil – che troppo spesso se la prende con i dipendenti pubblici e si lamenta della pubblica amministrazione additandola come troppo lenta e burocratica fino a ipotizzare esternalizzazioni, questa volta è stata bruciata sul tempo. Siamo di fronte all’effetto paradossale che la gestione amministrativa dei contributi sia stata definita nei minimi dettagli prima ancora che la legge per lo stanziamento dei fondi e la delibera attuativa siano entrate in vigore”.

 

È anche una questione di principio quella sollevata dal sindacalista: “Evidentemente questa è l’ennesima prova dell’efficienza e della produttività degli uffici provinciali dove lavorano esperti professionisti, eppure la Giunta dovrebbe mostrare maggior rispetto per il dibattito consigliare che deve ancora svolgersi”. Stando così le cose (visto che è già stato tutto definito nei dettagli) non solo la Giunta non lascia spazio al dibattito politico ma non viene nemmeno presa in considerazione l’ipotesi che la misura possa essere migliorata. Insomma, il passaggio democratico in aula è trasformato in una mera formalità.

 

“Troppo spesso la Giunta evita il confronto e decide in maniera unilaterale senza coinvolgere la controparte sindacale – ribadisce Grosselli – detto questo ci piacerebbe che la stessa attenzione riservata alle imprese venga posta anche nei confronti dei lavoratori”. La Cgil infatti, non è contraria alla norma in sé “in questo momento siamo di fronte a una crisi molto dura che temiamo non si risolva in poco tempo, quindi ben vengano gli aiuti a sostegno delle imprese. Anche se – osserva – è ancora tutta di dimostrare la teoria secondo la quale queste misure produrranno un numero maggiore di assunzioni rispetto a quelle che sarebbero arrivate anche senza incentivo”.

 

I dubbi sull’efficacia rimangono: “La stagione estiva è già molto avanti e le misure in favore dei lavoratori pensate dalla Giunta non sono sufficienti per far fronte alla crisi”, dice Grosselli che lamenta l’assenza di un provvedimento a sostegno dei cassaintegrati. “Vorremmo che la stessa efficienza mostrata nell’aiutare gli imprenditori venga convogliata anche in soccorso dei dipendenti rimasti senza lavoro e di questo ci piacerebbe discutere con l’assessore Spinelli, se solo ce ne fosse data l’occasione”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 12:44

 Il sindaco uscente Carlo Battisti non ha riscosso il consenso sperato ed è stato quasi doppiato dalla sua avversaria

22 settembre - 12:27

Non ce l'ha fatta la rivale Giovanna Paoletto a scalzare il sindaco uscente. Per lei pochi voti, solo 146 contro gli oltre 230 di Gianmpiccolo

22 settembre - 11:49

Leonardo Ceccato è stato eletto primo cittadino di Cinte Tesino con il 53,44% dei voti. Lorenzo Moltrer sarà il primo cittadino di Fierozzo/Vlarotz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato