Contenuto sponsorizzato

De Bertoldi all'attacco: ''Cgil e immigrati, connubio perfetto. Voto anche ai clandestini?''. Ianeselli: ''Desolante, un senatore contro un diritto. Un austriaco residente qui da anni non può votare?''

Tutto parte da un post sui social da parte del candidato sindaco a Trento per il centrosinistra e il Patt. A fronte di numerose richieste aveva spiegato che i cittadini comunitari residenti possono votare per eleggere il primo cittadino. Botta e risposta tra Ianeselli e de Bertoldi

Di Luca Andreazza - 14 agosto 2020 - 20:15

TRENTO. Botta e risposta tra Franco Ianeselli e il senatore Andrea de Bertoldi. Il nodo del contendere è il diritto di voto alle prossime elezioni comunali per i cittadini comunitari residenti sul territorio. 

 

Tutto parte da un post sui social da parte del candidato sindaco a Trento per il centrosinistra e il Patt. A fronte di numerose richieste aveva spiegato che i cittadini comunitari residenti possono votare per eleggere il primo cittadino anche se non hanno ancora la cittadinanza italiana: ci si doveva registrare all'ufficio anagrafe del Comune entro l’11 agosto scorso. E per agevolare ulteriormente l'iter, le forze politiche avevano realizzato una guida in diverse lingue.

 

Un intervento che non è stato digerito dal senatore in quota Fratelli d'Italia, compreso di immancabile attacco ai migranti accusati di qualsiasi cosa dalla destra, unico grande tema per cercare di recuperare consensi. "La Cgil e gli immigrati, un connubio perfetto. Magari per non farsi mancare nulla, a breve proporranno pure il voto per i clandestini, che, grazie alle Sinistre, stanno invadendo il Paese. Svegliamoci italiani", il commento di de Bertoldi, corredato dall'hashtag "NoTrentocgil".

 

Immediata la replica del candidato sindaco. "E' triste e desolante vedere un senatore della Repubblica che si scaglia contro un diritto affermato dalla legge, il diritto di voto alle elezioni comunali per i cittadini comunitari residenti. Che è un modo per affermare la nostra appartenenza all'Unione europea e per rendere i cittadini partecipi e responsabili della vita politica nella loro comunità. Secondo de Bertoldi un austriaco, un rumeno o un francese residenti da anni a Trento non dovrebbero poter votare per eleggere il sindaco. Solo lui sa il perché", dice Ianeselli.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ricerca e università
14 aprile - 06:01
Il Cibio è stato tra i primissimi centri di ricerca in Italia a ipotizzare di sviluppare un vaccino per contrastare Covid-19, la sperimentazione [...]
Cronaca
13 aprile - 19:33
Trovati 119 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 168 guarigioni. Sono 1.558 i casi attivi sul territorio provinciale
Politica
13 aprile - 18:52
Servizi estivi gratuiti all’infanzia, la proposta del Pd: “Vista l’eccezionalità della contingenza pandemica dalla Provincia ci si aspetta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato