Contenuto sponsorizzato

Le false immagini contro Ianeselli erano già state pubblicate da due consiglieri leghisti. Maestri: “Mi aspetto delle spiegazioni, difficile chiamarsi fuori”

Denis Paoli e Devid Moranduzzo avevano già diffuso l’immagine fake contro Ianeselli. La segretaria del Pd chiede spiegazioni: “Si è toccato il punto più basso della campagna elettorale, un gesto che non appartiene alla cultura politica di questo territorio”

Di Tiziano Grottolo - 21 settembre 2020 - 15:03

TRENTO. Nella notte fra il 19 e il 20 settembre, poche ore prima dell’apertura delle urne, ignoti hanno tappezzato la città di Trento con manifesti “anti-Ianeselli” (QUI articolo). L’intento degli autori sarebbe stato quello di danneggiare il candidato sindaco del Centrosinistra-autonomista, Franco Ianeselli. L’obiettivo del manifesto denigratorio era quello di porre l’accento sul passato da sindacalista del candidato, peraltro come se ciò dovesse rappresentare un’onta nel curriculum di qualcuno.

 

Peccato però, che nella foto che avrebbe dovuto ritrarre un giovane Ianeselli impegnato in una manifestazione, non ci fosse l’ex segretario della Cgil ma Corrado Gilli, attivista scomparso nel luglio 2015 a soli 32 anni. Quindi non solo è stato violato il silenzio elettorale, proprio nel giorno delle elezioni, ma è stata confezionata una vera e propria fake, una polpetta avvelenata gettata in pasto all’opinione pubblica.

 

 

In molti però hanno iniziato a chiedersi da dove fosse spuntata l’immagine incriminata, non ci è voluto molto per scoprire che la stessa immagine (senza le didascalie ma con l’identico accostamento sbagliato) fosse stata postata da due consiglieri provinciali della Lega. Se Devid Moranduzzo l’ha utilizzata per scrivere un post attaccando Ianeselli, Denis Paoli invece l’ha inserita addirittura in un video per invitare le persone a votare Lega. Nel video si specifica chiaramente che il committente è lo stesso consigliere leghista. 

 

Fra le prime a intervenire sulla vicenda c’è stata la segretaria del Partito Democratico Lucia Maestri: “Difficile chiamarsi fuori di fronte a una concomitanza così stravagante. Si è trattato di un gesto molto grave che offende sia la famiglia del giovane scomparso che la dignità della campagna elettorale. Un atto – punta il dito la segretaria – che non appartiene alla cultura politica di questo territorio”.

 

Secondo Maestri con quei manifesti si è toccato il punto più basso della campagna elettorale: “Una cosa simile non si era mai vista, la stessa immagine era già stata pubblicata dai consiglieri provinciali che adesso devono dare delle spiegazioni”. Una presa di posizione che al momento non è ancora arrivata, sembrerebbe che il post incriminato sia stato eliminato dalla pagina Facebook di Moranduzzo mentre il video di Paoli sarebbe ancora accessibile. Ciò non significa necessariamente che i due leghisti siano in qualche modo coinvolti con l’affissione dei manifesti ma di sicuro hanno contribuito a diffondere immagine false, con l'’obiettivo di attaccare un avversario politico. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 11:09

Nel bollettino quotidiano sulla situazione Coronavirus in provincia di Bolzano, l'azienda sanitaria comunica che ci sono stati 183 nuovi casi di positività, su un numero di tamponi effettuati piuttosto basso. L'indice contagi/tamponi rimane attorno al 18%, mentre terapie intensive e ricoveri aumentano. Nella giornata di lunedì 30 novembre entra in vigore, nel frattempo, l'ordinanza che dà avvio alle riaperture

30 novembre - 10:14

Cambio al vertice della classifica della qualità della vita realizzata da Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma. Una sorta di staffetta tra prima e seconda: quest'anno è Pordenone sul podio, seguita da Trento. Nella scorsa edizione le parti erano invertite

30 novembre - 10:19

Con Austria e Svizzera già attive o in procinto di aprire gli impianti, le regioni italiane cercano un punto di incontro col governo. Gli assessori: "La soluzione che proponiamo permette di avviare la stagione invernale con gradualità. Saremo in grado di sapere con precisione il numero degli avventori per ogni giorno e in questo modo potremo gestire al meglio l’afflusso e il deflusso agli impianti di risalita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato