Contenuto sponsorizzato

Elezioni, Bertolini sfida Bianchi a Laives, l'Svp punta a tenersi Egna. Ecco le principali sfide in Bassa Atesina

Nel comprensorio Oltradige-Bassa Atesina la principale sfida riguarderà la popolosa Laives, dove al sindaco uscente Christian Bianchi si opporranno 5 sfidanti, su tutti il candidato per la coalizione di centrosinistra Luca Bertolini e il vicesindaco Giovanni Seppi. Sfida a due a Bronzolo e a tre a Salorno, mentre l'Svp punta a mantenersi salda alla guida di Egna

Di Davide Leveghi - 12 agosto 2020 - 13:22

BOLZANO. In un Alto Adige quasi interamente interessato dalle elezioni comunali (113 Comuni su 116), previste per il 20 e il 21 di settembre prossimi, nei Comuni del comprensorio Oltradige-Bassa Atesina la sfida appare aperta, a partire dal centro più popoloso, Laives, posto alle porte di una Bolzano che dovrà decidere se dare fiducia al centrosinistra e al suo candidato, l'uscente sindaco Renzo Caramaschi, o se cambiare corso affidando il ruolo di primo cittadino all'espressione del centrodestra unito Roberto Zanin

 

Rispetto a Bolzano, però, il popoloso Comune di Laives/Leifers sarà chiamato a decidere se mantenere un corso opposto, di centrodestra, con l'uscente Christian Bianchi che correrà per un secondo mandato alla guida della civica Uniti per Laives, sostenuto da Lega Salvini Premier, Laives Futura-Team Castelli, Fratelli d'Italia e la civica Indipendenti per Laives. A sfidarlo ci sarà una coalizione di centrosinistra denominata Laives Insieme, con Luca Bertolini come candidato sindaco e che riunisce Partito democratico, Laives Civica Leifers, Verdi, Fides e Psi.

 

14 le liste che appoggeranno questi due candidati e gli altri 4, il vicesindaco uscente dell'Svp Giovanni Seppi, Alessandro Zuech per il Team K, il consigliere uscente Alberto Dell'Osbel per il Movimento 5 Stelle e Marco Delli Zotti per Progetto Laives. In tutto, a candidarsi per un posto in Consiglio comunale, saranno in 200.

 

Nel capoluogo del comprensorio, Egna/Neumarkt, esce di scena dopo due mandati il volkspartista Horst Pichler. Per cercare la continuità con la “stella alpina” alla guida del paese il testimone passa così a Karin Jost. A sfidarla ci saranno il vicesindaco uscente Alex Pocher con la civica Insieme-Miteinander, Lucio Gorio con @EgnaNeumarkt, la verde Ariane Hillebrand e la candidata per la Lega Salvini Premier Rosa Valenti.

 

La vicina Salorno, di contro, vedrà correre per la poltrona di sindaco solamente 3 sfidanti. A cercare di strappare la guida del paese a maggioranza italiana al sindaco uscente Roland Lazzeri (Svp), ci saranno infatti il vicesindaco e vicepresidente del comprensorio Oltradige-Bassa Atesina Ivan Cortella, con la lista Impegno per Salorno, e il candidato per il Movimento 5 Stelle Alessandro Rizzone. Niente lista del Pd, dunque, mentre la Lega Salvini Premier non presenterà nessuno per il ruolo di sindaco ma comunque 4 candidati per entrare in Consiglio comunale.

 

È sfida a due a Bronzolo/Branzoll, paese in questi giorni al centro di una campagna di tamponi dopo l'alto numero di casi di Coronavirus rinvenuti. A contendere il seggio alla sindaca uscente Giorgia Mongillo, appoggiata dalla sua civica Democratici sul Territorio, da Uniti per Bronzolo, dall'Svp (unicum per la “stella alpina” in Bassa Atesina che abbia deciso di entrare in coalizione) e dalla Lega, ci sarà il consigliere uscente Thomas Vicentini, presentatosi con la civica Bronzolo 2.0.

 

Ad Appiano sulla Strada del Vino/Eppan saranno in 6 a correre per il ruolo di sindaco. Presentatosi per il terzo mandato da sindaco, Wilfried Trettl (Bürgerliste) sarà sfidato dal suo vice Massimo Cleva, alla guida di una lista interetnica chiamata Appiano Unita-Gemainsam für Eppan, da Reinhard Zublasing per l'Svp, da Felix von Wohlgemuth per gli ambientalisti di Pro Eppan-Appiano e da Walter Oberhauser per la Süd-Tiroler Freheit. I Freiheitlichen, altra forza della destra etnica tedesca, correranno invece solo per i posti in Consiglio.

 

Uscito di scena dopo 3 mandati il sindaco Alessandro Beati (Per Vadena), presentatosi nella lista del Team K a supporto di Thomas Brancaglion a Bolzano, Vadena/Pfatten vedrà una contesa tra il vicesindaco volkpartista Elmar Oberhofer, il leghista Christian Covi, l'assessora comunale uscente Martine Parise (Insieme per Vadena) e la collega, anch'essa assessora nella scorsa giunta, Sarka Jancarova Ferro, sostenuta dal Team K alla guida della civica Nuova Lista Civica Vadena.

 

Saranno 5, invece, i candidati che correranno al ruolo di sindaco per Ora/Auer, 3 di lingua tedesca e 2 per il gruppo italiano. A contendere lo “scranno” da primo cittadino alla Bürgerliste, che dopo l'uscita di scena dopo tre mandati di Roland Pichler presenterà Martin Feichter, ci saranno l'indipendente con l'Svp Stefan Decarli, Egon Giovanelli per Die Giovanelli Liste, Stefano Sgarbossa per la lista di centrosinistra Insieme/Miteinander/Adum e Luigi Tava per l'interetnica Noi per Orauer.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato