Contenuto sponsorizzato

Ghezzi: ''Il sistema è bloccato e l'assessore non risponde ai bibliotecari. A rischio un'eccellenza del Trentino''

A oggi sembra che la questione non sia stata ancora risolta, come testimonia anche la lettera inviata dai bibliotecari. L'interrogazione del consigliere provinciale di Futura, Paolo Ghezzi: "Nonostante le rassicurazione dell'anno scorso tutto è ancora fermo e non si conoscono i tempi per risolvere la situazione"

Di Luca Andreazza - 14 luglio 2020 - 19:13

TRENTO. "Il servizio bibliotecario è sempre stato un vanto del Trentino, preso a modello anche da altre Regioni", queste le parole di Paolo Ghezzi, consigliere provinciale in quota Futura, che aggiunge: "Purtroppo nell’ultimo anno sono stati registrati molti problemi sul fronte della catalogazione dei libri, che di fatto è bloccata".

 

La catalogazione condivisa e centralizzata dei nuovi documenti è il fondamento del catalogo unico (Cbt) del Sistema bibliotecario trentino e viene garantita direttamente dalla Provincia di Trento a tutte le biblioteche di pubblica lettura come condizione essenziale dell’aggiornamento documentario, dell’uniformità catalografica e come prerequisito dell’adesione di ogni ente a questo sistema.

 

"La biblioteca del capoluogo ha catalogatori interni - dice Ghezzi - mentre quelle periferiche sono sprovviste di queste figure. Gli enti esterni presenti sul territorio provinciale inviano i libri a Trento per la catalogazione e lì rimangono, chiusi in scatoloni, perché non c'è nessuno che possa operare questo servizio. E' dall'anno scorso, dopo l’approvazione del nuovo Codice degli appalti, che non è stato più possibile appaltare all’esterno (a cooperative) questa procedura".

 

Il mese scorso oltre 150 biblioteche pubbliche e private riunite in questa rete hanno interessato piazza Dante per chiedere di sbloccare la catalogazione condivisa e centralizzata di questo sistema. Una lettera inviata all'assessore Mirko Bisesti anche per mettere in luce le tante incertezze legate a questo settore. L'amministrazione provinciale però non sarebbe ancora riuscita a indicare strade certe per fruire delle biblioteche e continuare a implementare questo servizio. Problemi che si sono acuiti per l'emergenza coronavirus (Qui articolo).

 

"Una lettera - prosegue il consigliere provinciale di Futura - che non ha però ancora ricevuto risposta. Già il 25 luglio 2019 abbiamo presentato una interrogazione per chiedere spiegazioni in merito a questo stallo che recava un danno economico, organizzativo e culturale per uno dei settori più importanti per la cultura trentina; il 29 ottobre 2019 ci è stato risposto da Bisesti che, in attesa dell'espletamento della gara europea per consentire la ripresa del servizio, la Provincia ha indetto una gara d'appalto sotto soglia comunitaria, con il criterio di aggiudicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa, per l'affidamento del servizio di catalogazione di 6.400 risorse di nuova acquisizione delle biblioteche di pubblica lettura del Stb. La procedura era in corso di conclusione e sarebbe stato ultimato entro il 31 dicembre scorso".

 

A oggi, però, sembra che la questione non sia stata ancora risolta, come testimonia anche la lettera inviata dai bibliotecari. "Il decreto firmato dal ministro della cultura, valore di 30 milioni di euro, prevede un acquisto straordinario di libri da parte delle biblioteche dello Stato, delle Regioni, degli enti locali e degli istituti culturali che possono ampliare i loro cataloghi acquistando il 70% dei nuovi volumi in almeno 3 librerie presenti sul proprio territorio. Questo significa che le biblioteche acquisteranno i libri ma i nuovi volumi resteranno negli scatoloni per mesi".

 

Da qui prende le mosse un'altra interrogazione targata Futura. "E' necessario - conclude Ghezzi - capire a che punto sia il servizio e se la Pat non ritenga opportuno rimborsare i Comuni che catalogato a loro spese in attesa della gara europea. Si chiede inoltre come la Provincia intende muoversi per garantire la catalogazione sulla base di una convenzione stipulata con tutte le biblioteche, anche in vista degli acquisti di nuovi libri a fronte del contributo statale, i volumi non possono essere lasciati fermi per tanto tempo, nell’attesa dell’espletamento di una gara europea per catalogarli e le biblioteche devono essere messe nelle condizioni di garantire un servizio pubblico adeguato".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 13:33

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti, ora si aggiunge un'ulteriore criticità. Se la situazione epidemiologica a settembre fosse quella di oggi, la Provincia potrebbe firmare un'ordinanza per risolvere la questione e portare la capienza al 100%. Fugatti: "Tema da affrontare in Conferenza Stato-Regioni"

07 agosto - 13:51
Un incidente pauroso alle 5 di questa mattina, venerdì 7 agosto, in A22 tra i caselli di Rovereto sud e Ala-Avio. Fortunatamente la famiglia rimasta coinvolta in questo episodio non è in pericolo di vita, anche se sono stati trasferiti all'ospedale di Rovereto per accertamenti e approfondimenti
07 agosto - 13:00

E' successo questa mattina presto a Cassone sul Garda. La macchina non riusciva più a ripartire perché le ruote scivolavano sul ghiaino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato