Contenuto sponsorizzato

Il sindaco Secchi non si ricandida: “È tempo di unire le forze, non di separarle”. Un passo di lato per ricompattare la coalizione

L’annuncio arriva un po’ a sorpresa ma il sindaco di Avio, Federico Secchi, ha deciso di non ricandidarsi alle prossime elezioni: “In tanti hanno dato prova di grande unità politica, altri, invece, hanno fatte scelte divergenti spaccando la coalizione di centrodestra. Non è il mio modo di vedere le cose, per questo faccio un passo di lato”

Di Tiziano Grottolo - 25 luglio 2020 - 15:55

AVIO. Non è il tempo delle divisioni, né tanto meno dei personalismi. È questo il tempo di unire le forze, non di separarle, per dare alla collettività una risposta forte, determinata ed energica. Ecco perché ho scelto di prendere una decisione che mi costa molto sul piano politico e anche su quello personale. Ma ho voluto, ancora una volta, metter davanti a tutto e tutti l’amore per la mia Comunità”. È con queste parole che l’attuale sindaco di Avio Federico Secchi si congeda in vista della conclusione del suo mandato rendendo noto a tutti che non si ricandiderà per la prossima tornata elettorale.

 

Un passo di lato”, come viene definito dallo stesso sindaco, che arriva per non spaccare la coalizione: Sono convinto – spiega – che avrei avuto ottime possibilità di una riconferma amministrativa. Ma ci presenteremmo spaccati e divisi come coalizione di centrodestra, in uno scenario di ricostruzione. E questo non è possibile. Sono tempi energici che non possono avere una politica debole e divisa”. Secchi dunque si auspica che la sua decisione consenta di ritrovare l’unità politica di tutto il Centrodestra.

 

Ho indossato tante volte la fascia tricolore – ricorda – ogni volta l’ho fatto con onore, rispettando ciò che simboleggia e riverendo la Comunità che rappresenta. L’ho fatto con orgoglio, consapevole della grande responsabilità caricata sulle mie spalle”. Poi però, in quest’anno particolare, è arrivata l’emergenza Covid-19: “Un trauma che qualcuno ha paragonato a quello di una guerra. Non solo per i tanti lutti e per tutti coloro che hanno perso i loro cari, che non hanno avuto nemmeno la possibilità di salutarli, ma anche per uno stravolgimento del nostro quotidiano”.

 

La pandemia ha cambiato molte cose e persino gli scenari politici sono mutati, con le elezioni che sono state addirittura posticipate: “Se prima erano in programma elezioni ‘normali’, oggi abbiamo davanti a noi elezioni straordinarie, diverse, in qualche modo ‘storiche’. E questo impone sicuramente ulteriori ragionamenti – osserva Secchi che poi aggiunge – in tanti, in questo momento, hanno dato prova di grande unità politica. Altri, invece, hanno fatte scelte divergenti spaccando la coalizione di centrodestra. Non è il mio modo di vedere le cose”.

 

Di qui il “passo di lato” che arriva comunque dopo un periodo che lo stesso primo cittadino definisce “bellissimo”. Cinque anni durante i quali Secchi ha lavorato assieme a tanti professionisti e volontari, consiglieri e membri della Giunta: “A tutti loro il mio più sincero ringraziamento perché senza la loro opera non sarebbe stato possibile raggiungere risultati ottenuti”. Infine, conclude il sindaco: Certamente sono stati commessi anche degli errori, così come è normale che li faccia chi lavora. Ma, lo ripeto, ho sempre cercato in questi anni di dare tutto me stesso”. Ora la palla passa alle liste che finora hanno sostenuto Secchi: Fratelli d’Italia, Forza Italia, Progetto Comune, SiAmo Avio che dovranno trovare la quadra. Nel frattempo restano a guardare gli altri candidati alla poltrona di primo cittadino: Marco Pilati (Patt) e Tullio Zampedri (Centrosinistra-ambientalista).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 maggio - 11:45
I laboratori dell'Azienda sanitaria hanno effettuato 6.348 tamponi nelle ultime 24 ore, di cui 997 molecolari e 5.351 antigenici. Sono [...]
Cronaca
12 maggio - 11:25
Gli studenti chiedono la possibilità di dialogare con l’amministrazione comunale e di avviare un tavolo di discussione con residenti ed [...]
Cronaca
12 maggio - 12:00
Non si ferma il conflitto armato fra gruppi palestinesi ed esercito israeliano: da entrambe le parti si contano vittime fra i civili e centinaia di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato