Contenuto sponsorizzato

Zampedri candidato sindaco ad Avio: “Alberare l’A22 per ridurre l’inquinamento”. Presentata una petizione per “la gestione del territorio e la salute”

L’idea è quella di alberare l’intero tratto trentino dell’A22: “Un modo per ridurre l’inquinamento e migliorare il paesaggio – spiega il bio-architetto Tullio Zampedri, fresco candidato sindaco per Avio – non cerchiamo la contrapposizione ma vogliamo fare delle proposte concrete”

Di Tiziano Grottolo - 04 luglio 2020 - 12:17

AVIO. L’ufficialità è arrivata questa mattina durante la raccolta firme organizzata dalla lista “Avio per tutti” che ha confermato di aver individuato in Tullio Zampedri, architetto che si occupa di bioedilizia, il proprio candidato sindaco. “Stiamo lavorando per costruire una seconda lista – afferma il candidato – in questo modo potremmo presentarci all’appuntamento elettorale con più forza”.

 

A breve ci sarà una presentazione ufficiale, ricorda lo stesso Zampedri che poi aggiunge:  “Per ora stiamo mettendo in piedi una serie di iniziative sul territorio, non cerchiamo la contrapposizione ma vogliamo fare delle proposte concrete”. Fra le proposte più interessanti c’è sicuramente quella di alberare i rilievi dell'autostrada A22 del Brennero, lungo l’intero tratto trentino, con la creazione di aree verdi in corrispondenza dei caselli e delle aree di servizio.

 

“Solo questa mattina abbiamo raccolto 50 firme – sottolinea il candidato sindaco – è un tema che interessa anche perché è stato accertato come l’inquinamento contribuisca ad indebolire le difese immunitarie e in questi mesi il diffondersi del coronavirus ha evidenziato come le zone maggiormente colpite dall'epidemia siano state molto spesso quelle dove è maggiore l'inquinamento ambientale e dove le condizioni di salubrità sono più critiche”.

 

Quella di alberare il tratto dell’A22 non è un’idea irrealizzabile dal momento che interventi simili sono già stati realizzati in altre parti d’Italia. Anzi, per i promotori si tratta di un'operazione più che fattibile: “La nostra valle è attraversata dalla trafficata autostrada A22. Il transito massiccio di veicoli porta con sé una quantità non indifferente di agenti inquinanti tossici come le polveri sottili e i gas di scarico – prosegue Zampedri – oltre ad essere fonte di inquinamento acustico e inquinamento visivo che deturpa il paesaggio. A questo si aggiunge il fatto che nella valle, a causa dei venti e della sua conformazione, giunge anche l'inquinamento della Pianura Padana, uno dei luoghi più contaminati d'Europa”.

 

A questa situazione si potrebbe porre rimedio, o per lo meno mitigarla, piantumando una serie di alberi lungo l’autostrada in modo da contenere sia l'inquinamento atmosferico che quello acustico dovuto al traffico. Gli alberi offrono il vantaggio di assorbire inquinanti e polveri sottili, proteggendo al contempo le coltivazioni circostanti. “Interventi di questo genere sono necessari per migliorare nell’immediato la nostra qualità di vita e lo saranno ancora di più in futuro a causa dei cambiamenti climatici in atto e in previsione dell’aumento di flusso di traffico e di domanda di mobilità nel prossimo decennio”.

 

Per concludere i candidati di “Avio per tutti” svelano la prossima petizione che mira a migliorare i collegamenti fra la frazione di Vò e il resto di Avio: Proponiamo la realizzazione di un collegamento tra ponte e il vecchio sottopasso ferroviario per accedere all'Adige a nord, perché l'attuale soluzione con senso unico alternato rappresenta una strozzatura che rallenta il traffico e sacrifica il passaggio, isolando la frazione dal resto della comunità”. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 31 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 agosto - 19:19

Un week-end da sold out a Braies e turisti accalcati nel percorrere il sentiero che segue l'argine del lago. "Il parcheggio era praticamente pieno già molto presto, ho pagato 6 euro ma arrivata all'ingresso del percorso mi sono decisa a tornare a casa senza vedere nulla. Non ci sono le garanzie di sicurezza"

03 agosto - 18:05

Complessivamente il Trentino sale a 5.603 casi e resta a 470 decessi da inizio emergenza. Sono 5.033 i guariti. Il virologo del Cibio: "Il coronavirus non è cambiato ma abbiamo imparato a controllare la diffusione attraverso il distanziamento sociale e alle precauzioni messe in atto"

03 agosto - 18:53

Grave incidente, questo pomeriggio, sulla strada 244, in Val Badia. Nelle vicinanze di Pederoa due auto si sono scontrate frontalmente causando il ferimento di 6 persone. Tra di loro anche un bambino, gravemente lesionato e elitrasportato d'urgenza a Bolzano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato