Contenuto sponsorizzato

Ispat, senza immigrati si rischia il tracollo demografico. Ghezzi: "Fugatti cambi rotta. Senza stranieri non si potranno mantenere gli anziani trentini"

Sono state pubblicate dall'Ispat le proiezioni demografiche per i prossimi decenni. Nel 2070 il dato relativo al carico sociale, senza l'apporto indispensabile dei flussi migratori, è destinato ad impennarsi. Oggi ci sono circa 33 anziani e 23 giovani ogni 100 persone in età lavorativa mentre fra trent’anni 100 persone in età lavorativa dovranno assistere e mantenere 20 giovani e 46 anziani, 18 dei quali di 80 anni e oltre. In ipotesi naturale l’indice salirebbe al 90%, di cui 70 anziani  

Pubblicato il - 23 gennaio 2020 - 19:39

TRENTO. Secondo le ultime proiezioni demografiche diffuse dall'Ispat (Istituto provinciale di statistica) nei prossimi decenni la popolazione trentina, se non supportata dai flussi migratori, è destinata (di fatto) al collasso demografico.

 

In ipotesi di sviluppo solo naturale (vale a dire in una proiezione che simula cosa succederebbe azzerando qualsiasi movimento migratorio futuro) i Trentini, che ora sono circa 540.000, potrebbero ridursi ad appena 370. Una popolazione sempre più vecchia e sempre meno propensa a far figli. In drastico calo anche la natalità. Uno dei parametri per valutare il buono stato di salute di una società è il cosiddetto "saldo naturale", ovvero il rapporto e la differenza tra numero dei nati e numero dei morti annuali. Fino agli anni sessanta questo saldo era nettamente positivo. Dopo il cosiddetto baby boom di quegli anni il valore ha iniziato a scendere fino a marcarsi negativamente a partire dal 1979. L'Ispat ha calcolato che, in ipotesi di sviluppo naturale, nei prossimi decenni questo saldo potrebbe arrivare a circa -4.000 (QUI ARTICOLO).

 

I modelli di sviluppo demografico sono a servizio delle amministrazioni. Sapere, ad esempio, con un certo margine d'anticipo, come evolveranno le classi anziane o le classi scolastiche permette di preparare o ripensare strutture e attività preposte ai loro bisogni.

 

Per questo, Paolo Ghezzi, consigliere provinciale di Futura 2018, si rivolge direttamente al presidente Fugatti chiedendogli conto di quanto sia stato fatto, e non, per adeguarsi al trend evidenziato dall'istituto di statistica. "Si rassegni, e cambi rotta, il presidente della Provincia - commenta Ghezzi -. Gli immigrati sono necessari per evitare il tracollo demografico del Trentino".

 

"Se non ci saranno, e non faranno, figli i nuovi trentini di origine straniera - continua il consigliere - il benessere del Trentino e la nostra qualità di vita non saranno più garantiti". 

 

Preoccupanti anche i dati relativi al cosiddetto "carico sociale". Il carico sociale totale (ovvero il rapporto tra il numero di individui in età non attiva ogni 100 in età attiva) è ora arrivato al 56%, ma fra una dozzina di anni è destinato ad impennarsi superando nel 2031 il 60% ed arrivando nel 2070 al 73%. L’analisi per componenti mostra che attualmente il carico è costituito da circa 33 anziani e 23 giovani ogni 100 persone in età lavorativa mentre fra trent’anni 100 persone in età lavorativa dovranno assistere e mantenere, direttamente od indirettamente, 20 giovani e 46 anziani, 18 dei quali di 80 anni e oltre. In ipotesi naturale l’indice salirebbe al 90%, di cui 70 anziani.    

 

 

"Insomma - conclude Ghezzi - senza trentini di origine straniera non si potranno mantenere gli anziani trentini. Il presidente della Provincia ha letto il rapporto Ispat? Se sì, non può che cambiare rotta e abbandonare le sue politiche ostili agli stranieri".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato