Contenuto sponsorizzato

La Lega ''cambia avvocato'': Andrea Merler è il nuovo candidato sindaco e prende il posto di Baracetti

Un allargamento della coalizione che sembra complicata, mentre le altre forze politiche della maggioranza provinciali, Progetto trentino e Agire, sembrano decise a proseguire le strade già intraprese rispettivamente con Silvia Zanetti e Marcello Carli

Pubblicato il - 24 luglio 2020 - 18:08

TRENTO. E' Andrea Merler il candidato sindaco per la destra in vista delle prossime elezioni comunali a Trento. L'avvocato di 37 anni prende quindi il posto del collega Alessandro Baracetti, ormai già concorrente per palazzo Thun. 

 

I tempi erano stretti dopo il "passo di lato" di Baracetti per trovare un altro candidato sindaco. Un'indicazione a candidato sindaco arrivato dopo tantissimi "No" incassati dalla Lega, quindi il caos in queste ore dopo la decisione di farsi da parte alla guida della coalizione. La scelta non poteva che ricadere su una figura di secondo piano e sembra andata così.

 

Nel frattempo la coalizione è la stessa, attualmente non si registrano convergenze particolari, e molti esponenti esprimono solidarietà a Baracetti e restano nell'alleanza, seppur i mal di pancia sembrano affiorare. "Non possiamo condividere tutto quanto ha portato alla inevitabile decisione dell'avvocato Baracetti di fare un passo di lato - commenta Barbara Balsamo degli Autonomisti popolari - eseguito peraltro con la signorilità che lo ha sempre contraddistinto. Seguendo il suo implicito invito rimaniamo fedeli al progetto di centrodestra autonomista sia pure in una situazione di forte disagio per tempi e modi con i quali sono maturate le scelte peraltro non ancora definitive".

 

Più soddisfatti in Fratelli d'Italia. "Tutte le forze del centrodestra autonomista - dice il senatore Adolfo Urso, commissario provinciale di Fratelli d'Italia - hanno recepito il nostro appello all’unità e alla responsabilità. Ora allarghiamo la coalizione a tutti coloro che vogliono davvero costruire l’alternativa alle sinistre nel governo della città. Ora si può vincere e soprattutto si può dare un buon governo alla città, nel segno del cambiamento, a tutela di chi lavora e produce, di famiglie e anziani. Sicurezza, solidarietà, sviluppo saranno le priorità. Basta polemiche, è ora di costruire".

 

Un allargamento della coalizione che sembra complicata, mentre le altre forze politiche della maggioranza provinciali, Progetto trentino e Agire, sembrano decise a proseguire le strade già intraprese tra rispettivamente Silvia Zanetti e Marcello Carli (Qui articolo).

 

Avvocato ordinario, Merler, ha comunque esperienza in politica: 4 anni come consigliere di Circoscrizione a Gardolo e 11 anni in Consiglio comunale a Trento. E' capogruppo consiliare, presidente della Commissione vigilanza e società partecipate del Comune e membro della Commissione urbanistica. Sposato con Giulia e padre di 3 figli

 

"Una scelta - si legge nella nota del centrodestra autonomista - basata sulla necessità di puntare su una persona con una lunga esperienza e profonda conoscenza della macchina comunale e che permetta di includere nella coalizione la lista civica 'Trento Unita per Merler Sindaco' che raccoglierà vari amministratori e persone della società civile. Rispetto alla sua figura sono stati particolarmente apprezzati e condivisi la stima ed il sostegno pubblico espressi in questi giorni da Pietro Patton, ex direttore generale del Comune di Trento, figura di alta levatura e molto apprezzata nel Comune di Trento".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato