Contenuto sponsorizzato

Il candidato sindaco Merler: ''Covid-19 ha cambiato tutto e portato la coalizione a una riflessione''. La sicurezza? ''Argomento importante ma non il principale''

L'avvocato di 37 anni raccoglie il testimone da Baracetti dopo "il passo di lato" dell'ormai ex candidato sindaco. Merler: ''L'ho sentito, rapporti ottimi". Il suo emendamento al Prg del Comune di Trento per la lottizzazione di Gardolo ha portato alle dimissioni in blocco del consiglio circoscrizionale, restano da capire in ottica elettorale le ripercussioni nella roccaforte della destra

Di Luca Andreazza - 24 luglio 2020 - 20:51

TRENTO. "Esprimo la mia gratitudine verso Alessandro Baracetti, la prima persona che ho chiamato". Così Andrea Merler, il nuovo candidato sindaco a Trento per la destra a trazione Lega. L'ufficialità dell'investitura è arriva nelle scorse ore (Qui articolo). "Ho ritenuto opportuno sentirlo per un confronto e un aggiornamento sul lavoro fin qui svolto. I rapporti sono ottimi e ringrazio il collega per l'eleganza e il senso di responsabilità".

 

 

E' rientrato tra i papabili fin da subito nel caos e il vento del cambiamento è arrivato (Qui articolo). L'avvocato di 37 anni, eletto nel 2015 in consiglio comunale nelle fila di Civica Trentina, prende il timone della coalizione per cercare di raggiungere palazzo Thun. Sono state 48 ore frenetiche per trovare una convergenza dopo il "passo di lato" di Baracetti.

 

"L'emergenza coronavirus ha cambiato un po' tutto - dice Merler - si è reputato necessario effettuare un cambiamento, la necessità di differenziare la proposta con competenze specifiche. La stima di una figura quale Pietro Patton, palesata pubblicamente, mi rende felice e ricambio l'attestato".

 

Il nuovo candidato sindaco esclude ripercussioni per il cambio in corsa. "Ci sono state alcune fibrillazioni - evidenzia il consigliere comunale - la coalizione si è interrogata in questa fase molto particolare. Le riflessioni hanno portato a questa scelta: non ci saranno problemi, la squadra è pronta, molti esponenti li conosco da tempo e siamo rodati".

 

La Lega e i suoi alleati vorrebbero allargare il perimetro della coalizione. Le vie della politica sono infinite, ma questa ipotesi sembra complicata, le altre forze politiche che compongono la maggioranza provinciale, Progetto trentino e Agire, sembrano più che decise a proseguire le strade intraprese con rispettivamente Silvia Zanetti e Marcello Carli (Qui articolo).

 

"Ci sarebbe spazio politico - spiega Merler - ma i tempi sono stretti. Ci potrebbero essere gli appoggi per creare qualcosa, però non è così scontato che si possa riuscire. Comunque c'è un primo allargamento della coalizione, una lista civica composta da amministratori, liberi professionisti e esponenti della società civile è pronta a scendere in campo, una lista che altrimenti non saremmo riusciti a formare".

 

Ci sono anche alcune priorità in cima al programma in corso di definizione. "Si devono attrarre investitori su Trento per intercettare fondi europei e internazionalizzare. La città - prosegue il candidato sindaco - in questo senso appare asfittica per le imprese, gli uffici devono cambiare passo, altrimenti si viene schiacciati da Bolzano. Un altro punto è quello di sviluppare un piano regolatore per dare risposte concrete alle aziende e ai cittadini".

 

La sicurezza? "E' un argomento importante ma non il principale. Deve essere affrontato - evidenzia Merler - siamo stati noi a proporre il divieto per la prostituzione in strada e il divieto per consumare alcol nei giardini. L'obiettivo è istituire l'unità cinofila per la polizia locale e sviluppare un maggior coinvolgimento inter-forze per contrastare criminalità e spaccio".

 

Avvocato ordinario, Merler, ha comunque esperienza in politica: 4 anni come consigliere di Circoscrizione a Gardolo e 11 anni in Consiglio comunale a Trento. E' capogruppo consiliare, presidente della Commissione vigilanza e società partecipate del Comune e membro della Commissione urbanistica.

 

C'è un rischio, Gardolo è solitamente una roccaforte per il centrodestra che è praticamente sempre riuscito a intercettare un bacino di voti non indifferente. E' da capire la portata della lottizzazione passata nell'ultimo Prg: una proposta proprio di Merler (contrario però ai tempi della circoscrizione) che aveva portato alle dimissioni in blocco di tutti i consiglieri del sobborgo, maggioranza e minoranza compatta (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 giugno - 20:22
Trovati 4 positivi, nessun decesso per il quarto giorno consecutivo. Sono state registrate 13 guarigioni. Sono 195 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
16 giugno - 19:24
Il riferimento del primo cittadino va alle risposte date dall'allora assessore regionale competente, Noggler, a Claudio Cia e che, [...]
Cronaca
16 giugno - 16:53
La Pat oggi ha promosso un incontro con i sindaci per fare il punto sulla campagna e per condividere le strategie per aumentare la copertura troppo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato