Contenuto sponsorizzato

La maggioranza “salva” Sgarbi, la mozione di Marini non passa: “Ipocriti, arrivano a sconfessare il loro operato durante la pandemia”

A sostegno della mozione presentata da Marini (M5s) hanno votato Futura e Pd: “La maggioranza di Fugatti ha fatto orecchie da mercante giustificando le azioni di Sgarbi, ora tutti possono apprezzare quali siano il senso di giustizia e la coerenza leghista”

Di Tiziano Grottolo - 10 giugno 2020 - 13:33

TRENTO. Serviva la maggioranza dei presenti in aula che però non è stata raggiunta dal momento che le forze di maggioranza hanno votato contro: così Vittorio Sgarbi resterà saldamente alla guida del Marti di Rovereto. “Pur di tenersi Sgarbi alla presidenza la maggioranza provinciale è arrivata a sconfessare sé stessa riguardo al contrasto alla pandemia da Covid 19, rivelandosi in tutta la propria ipocrisia”, questo il commento a caldo del consigliere pentastellato Alex Marini, autore della mozione appena bocciata.

 

Infatti, non sono bastati i voti a favore di Futura e Partito Democratico che avrebbero voluto impegnare la Giunta a rimuovere Sgarbi dalla sua carica: “Il 9 marzo – ricorda Marini – mentre il virus che già aveva fatto 463 vittime in Italia, col consueto stile Sgarbi si permise di aizzare i cittadini a violare le zone rosse ignorando le ordinanze emanate a tutela della salute pubblica. Siccome lui personalmente non credeva al Covid-19 diceva a qualche milione di persone che lo seguono sui social di andare a spasso, rischiando così di infettarsi aumentando pure la diffusione del virus”.

 

Parole gravi che sollevarono moltissime polemiche (articoli QUI e QUI) sulla scia delle quali il Movimento 5 Stelle presentò una mozione con cui chiedeva che a Sgarbi fosse tolta la presidenza del Mart. “La maggioranza a trazione leghista ha fatto orecchie da mercante giustificando le azioni di Sgarbi. Secondo loro – prosegue Marini – andrebbe giudicato solo ed esclusivamente per quanto farà come Presidente”.

 

Per il consigliere pentastellato l’ipocrisia è lampante: “Fugatti è andato in onda urbi et orbi per oltre 2 mesi facendo ordinanze a raffica, imponendo regole, minacciando sanzioni e più in generale appellandosi al senso di responsabilità dei cittadini per garantire il contenimento del Covid-19. Al tempo stesso però lui e i suoi sostenitori oggi hanno deciso che le esortazioni di Sgarbi a violare le regole col rischio di causare un ulteriore esplosione dei focolai non contano perché, dicono, vogliono giudicare Sgarbi solo in base ai risultati che forse conseguirà in futuro, e pazienza che si parli un politico in carriera attualmente seduto in Parlamento”.

 

Non si placano dunque le polemiche attorno alla discussa figura del presidente del Mart: “Oggi – conclude Marini – tutti hanno potuto apprezzare quali siano il senso di giustizia e la coerenza della maggioranza leghista”

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 luglio - 12:31

I sindacati chiedono alla Provincia di Trento di copiare Bolzano. Un articolo del decreto Cura Italia permette a Trento e Bolzano di integrare le risorse dei fondi di solidarietà provinciali che garantiscono la cassa integrazione alle piccole aziende del terziario. Proprio in attuazione di questo articolo la Giunta Kompatscher ha stanziato 20 milioni di euro 

12 luglio - 10:26

Negli ultimi cinque giorni sono state ben 19 le persone trovate positive al test del coronavirus, numeri che costringono Bolzano a non abbassare la guardia. Nelle varie strutture ospedaliere altoatesine sono ricoverate 7 persone

12 luglio - 12:17

I carabinieri nei controlli quotidiani non lo avevano trovato in casa e si sono immediatamente messi alla ricerca. L'hanno trovata seduto in un bar con davanti un boccale di birra

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato