Contenuto sponsorizzato

Marini chiede che Sgarbi sia rimosso dalla presidenza del Mart: “Vediamo se lo difenderanno anche dopo quello che ha detto sul coronavirus”

Depositata la mozione, ora la giunta leghista dovrà scegliere se difendere Sgarbi, fortemente voluto dall’assessore Bisesti, o accogliere la richiesta presentata da Marini, con il sostegno di Ferrari e Manica che denunciano: “Le sue parole un’esortazioni a violare le norme”

Di Tiziano Grottolo - 21 marzo 2020 - 16:27

TRENTO. Questa volta le parole pronunciate da Vittorio Sgarbi a proposito dell’emergenza coronavirus potrebbero costargli caro, nella fattispecie potrebbe essere costretto a rinunciare alla presidenza del Mart, ente che dirige dal febbraio 2019 quando l’assessore di riferimento, Mirko Bisesti, lo chiamò in Trentino.

 

A chiedere “la testa” del critico d’arte è stato il consigliere del Movimento 5 Stelle Alex Marini, d’altra parte in un video poi rimosso da Facebook Sgarbi aveva dichiarato: “o io sono matto o sono l'unico che dice la verità. Non credo al coronavirus, ci dev'essere qualcosa dietro, non so cosa ma ci dev'essere qualcosa dietro”, chiamando poi la popolazione a una sorta di ribellione verso le strutture e le istituzioni e invitando la gente a continuare con la vita di tutti i giorni. Questo video veniva pubblicato in piena emergenza coronavirus quando il governo aveva già emanato i primi decreti per limitare gli spostamenti delle persone.

 

Dichiarazioni giudicate dallo stesso Marini come “estremamente gravi” nonché “un’esortazioni a violare le norme”, il consigliere pentastellato aveva dunque promesso che avrebbe presentato una mozione per sollecitare la rimozione del critico d’arte dal ruolo di presidente del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto. Provvedimento che si è concretizzato in questi giorni e che ha incontrato il sostegno dei consiglieri Sara Ferrari e Alessio Manica, del Partito Democratico.

 

“Adesso vedremo cosa succederà in aula – osserva Marini – capiremo se la maggioranza leghista vorrà difendere Sgarbi anche dopo le sue affermazioni sul coronavirus e soprattutto alle sue esortazioni a violare le regole poste a presidio e tutela della salute dei cittadini”. Di conseguenza i firmatari chiedono la sostituzione immediata del presidente del Mart “con una figura di comprovata onorabilità” e competente nel campo dell’arte moderna e contemporanea.

 

“Diciamo che Sgarbi è ormai il personaggio che ha voluto costruire attorno a sé – l’affondo del consigliere, che poi aggiunge – molti lo trovano folkloristico e perfino divertente e sono pronti a perdonargli qualsiasi eccesso, degustibus, ma nella situazione che stiamo vivendo in questi giorni le sue dichiarazioni sul coronavirus non sono solo offensive, sono un vero e proprio incitamento a violare le ordinanze emanate per tutelare tutti noi”.

 

La bufera che ha travolto Sgarbi è talmente grande che adesso rischia di coinvolgere l’intera Giunta, chiamata a risponderne in aula: “Chi nel mezzo di una crisi gravissima si comporta in una maniera simile dà prova di disprezzo verso la vita delle persone – conclude Marini – pertanto non può pretendere di ricoprire incarichi che lo portino in qualsiasi modo ad essere associato al Trentino”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 13:50

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno nell'area della val di Ledro. In azione le unità del soccorso alpino e l'elicottero con l'equipe medica. Per il base jumper però non c'è stato nulla da fare

21 ottobre - 17:23

I casi in Lombardia sono raddoppiati rispetto a ieri e sono decedute 20 persone, mentre il rapporto contagi/tamponi si attesta all'11%. Un'osservata speciale è Milano che ha fatto segnare 1.800 nuovi infetti. Anche a Verona saltano i Mercatini di Natale. Probabili misure restrittive del governo per il fine settimana

21 ottobre - 16:10

Ecco tutti i beni che verranno battuti all'asta del comune che si svolgerà martedì 3 novembre. Prima si potranno andare a visionare gli oggetti e poi si potrà fare la proposta in busta chiusa. Ecco la lista e come partecipare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato