Contenuto sponsorizzato

"Nuova ondata, vecchi problemi: carenza cronica di personale nelle RSA", l'appello di Marcella Tomasi, Segretaria Provinciale Uil Fpl

Aumentano i contagi, ma calano gli operatori nelle Rsa. Marcella Tomasi si appella alle autorità perché si trovino soluzioni a queste carenze di personale: "a fronte della ripartenza dell’emergenza e dei contagi da Covid-19 appare evidente l’esiguo numero di professionisti socio sanitari e assistenziali presenti nelle nostre Rsa"

 

Di Mattia Sartori - 01 novembre 2020 - 14:41

TRENTO. Nelle Rsa aumentano i contagi, ma diminuiscono gli operatori. In un comunicato stampa divulgato nel primo pomeriggio di oggi, domenica 1 novembre, la Segretaria Provinciale Uil Fpl Enti Locali Marcella Tomasi lamenta una carenza cronica di personale nelle Rsa. "La situazione che ad oggi ci troviamo ad affrontare - dichiara - è che, a fronte della ripartenza dell’emergenza Covid-19 (ma non solo) appare evidente l’esiguo numero di professionisti socio sanitari e assistenziali presenti nelle nostre Rsa".

 

"Non serve a nulla la polemica di questi giorni, politica ma non solo (lo stesso Ordine degli infermieri si è espresso in merito), bisogna cercare soluzioni veloci per trovare quanto prima professionisti disponibili a lavorare all’interno di queste strutture" scrive Tomasi. Un appello alla politica locale e nazionale a mettersi in gioco per trovare soluzioni a questo problema, per garantire che agli ospiti di queste strutture vengano garantiti i servizi e le cure di cui hanno bisogno.

 

Alcune soluzioni possibili le suggerisce la stessa Segretaria, che nel comunicato stampa propone: "Mettiamo in campo, quanto prima, convenzioni di “messa a disposizione” del personale, come fatto nella prima fase per gli OSS occupati nelle Comunità di Valle e nel Terzo Settore (in particolare nell’assistenza domiciliare) che si sono trovati a non poter espletare la loro attività, i primi, e in Fondo di Solidarietà i secondi, che sono stati rimpiegati nelle strutture a fianco degli operatori già presenti. Troviamo un accordo con le strutture private convenzionale per dare la possibilità, volontariamente, al personale che vorrà mettersi a disposizione per lavorare nelle strutture già in difficoltà".

 

L'ultimo invito è quello di ricompensare il duro lavoro di questi professionisti, riconoscendolo anche economicamente "riaprendo la contrattazione collettiva provinciale ed inquadrando correttamente da un punto di vista giuridico-economico queste figure fondamentali per il sistema delle Rsa".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

19 gennaio - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 gennaio - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato