Contenuto sponsorizzato

Università, scontro tra i giovani leghisti e Fratelli d'Italia. Divan: ''Rammaricato per parole di Dellagiacoma, speriamo che qualcuno ritrovi la maturità''

Dopo l'intervento di Francesco Dellagiacoma, ora ad intervenire è il giovane leghista Leonardo Divan criticando le parole del collega: "Non possiamo che rammaricarci di ciò, auspicando che qualcuno possa riuscire a trovare la maturità che fino ad ora non ha dimostrato"

Di GF - 01 dicembre 2020 - 17:54

TRENTO. Non trovano pace i giovani di destra dopo le elezioni universitarie avvenute qualche giorno fa e che hanno visto la lista “Siamo Unitn” ottenere un risultato per nulla positivo con l'elezione di solo 4 rappresentanti.

 

Lunedì scorso a definire la gestione della lista “fallimentare” è stato Francesco Dellagiacoma, presidente dell'associazione universitaria “Liberamente” ed esponente di Fratelli d'Italia. Nel suo intervento aveva criticato soprattutto alcune scelte e alcuni comportamenti messi in campo dai giovani della Lega e in particolare da Leonardo Divan e dal segretario giovani Lega, Marco Leonardelli. (QUI L'ARTICOLO)

 

A dimostrare che l'unità all'interno dei giovani di destra sia ben lontana, ad intervenire ora sulle valutazioni fatte da Dellagiacoma è il leghista Leonardo Divan.

 

“Purtroppo – spiega in una nota - siamo costretti a chiarire diversi punti di incongruenza presenti in tali valutazioni”.

 

Qui il comunicato

 

In primo luogo il signor Marco Leonardelli, coordinatore della Lega Giovani Trentino, non ricopre funzioni di alcun genere all'interno della lista Siamo Unitn né dell'associazione Siamo Futuro. 

 

In secondo luogo, ci vediamo costretti a precisare che non è mai pervenuta da LiberaMente una richiesta di inserimento del proprio logo all'interno del simbolo della Lista Siamo Unitn. Forse il signor Dellagiacoma ed i suoi sodali dimenticano che i risultati di cui attualmente disponiamo sono meramente ufficiosi e quindi vulnerabili nella loro integrità. 

 

Vorremmo infine confermare che se, come dice il signore sopracitato, tutti avessimo lavorato nella medesima direzione, avremmo certamente raggiunto un risultato migliore. Purtroppo, le invidie e la chiara soffennata di prevaricazione del sopracitato hanno, anche in questa circostanza, superato l'interesse per gli Studenti del nostro Ateneo. Non possiamo che rammaricarci di ciò, auspicando che qualcuno possa riuscire a trovare la maturità che fino ad ora non ha dimostrato.

 

Come coalizione universitaria abbiamo sempre dato priorità al dialogo, alla apertura e alla coesione. Sin dal principio di questo progetto comune, che continuerà ad esistere dentro Unitn, abbiamo ritenuto opportuno mettere di lato differenze di vedute, concentrando gli sforzi comuni di Siamo Futuro e Azione Universitaria su un progetto pragmatico e mai divisivo, perciò proviamo forte rammarico per le parole del Signor Dellagiacoma.

 

Non sono accettabili i toni e i metodi usati nei confronti del coordinatore Lega Giovani Trentino, che, ribadiamo, di nulla è responsabile in ambito universitario, speriamo che l'ebbrezza del personalismo possa al più presto abbandonare le dinamiche universitarie e che possa proseguire il lavoro comune di Siamo Unitn all'insegna del rinnovamento e del miglioramento del nostro ateneo.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato