Contenuto sponsorizzato

Ancora litigi in Fratelli d'Italia: Bezzi ''sparla'' del bypass e Rossato critica: ''Modalità maldestre in grado di palesare una scarsissima conoscenza dell’argomento''

Ieri la presentazione della lista tra sorrisi e abbracci ma in casa Fratelli d'Italia continuano i litigi e gli attacchi interni. Fuori dall'uscio, come è noto, è rimasto l'editore della Voce del Trentino che candidato all'ultimo con l'Udc dopo aver fatto campagna per il partito di Giorgia Meloni per un mese salvo poi scoprire di non essere candidato usa il suo sito per attaccare chi fino a ieri sosteneva in un assurdo gioco dove il candidato Conci rilascia dichiarazioni al giornale di Conci (con tanto di pubblicità di Bezzi in bella vista)

Di Luca Pianesi - 30 settembre 2023 - 12:32

TRENTO. Ancora stracci che volano tra i fratelli e le sorelle d'Italia. Ieri erano tutti insieme sorridenti alla presenza del responsabile organizzativo nazionale Donzelli alla presentazione della lista che correrà alle prossime elezioni provinciali eppure i conflitti continuano ad essere tantissimi, le polemiche sempre pronte ad esplodere, gelosie e antipatie sono all'ordine del giorno. D'altronde la corsa per ottenere il benamato ''posto al sole'' è spietata e si gioca prima di tutto in casa. E così dopo gli attacchi del capolista Cia alla collega capolista Gerosa, dopo che Bezzi ha criticato apertamente sui social il suo collega di zona (Val di Sole) Daldoss, dopo che un po' tutti (sulla vicenda orso da Cia a Bezzi ad Ambrosi) se la sono presa con quella che, in caso di vittoria, sarà la vicepresidente, Francesca Gerosa oggi è il turno di Katia Rossato contro Bezzi.

 

Il tema è quello del bypass ferroviario. Bezzi ieri ha mandato un comunicato piuttosto zoppicante dove, di fatto, criticava il sindaco Ianeselli e il Comune un po' su tutto: per il tracciato scelto, per il fatto che si sarebbero dovute far lavorare aziende del territorio e, udite udite, ha anche scoperto che Facchin, assessore alla mobilità del comune, è stato figura di vertice di Rfi (cosa che si sa da sempre). Ovviamente tutti sanno che il Comune c'entra niente sui temi che tocca Bezzi. Il bypass è partita statale con fondi europei che arrivano direttamente dal Pnrr, è un'opera strategica per l'Unione europea e Ianeselli su chi far lavorare al mega cantiere non può nulla. Insomma parole al vento che stigmatizza anche la sua collega di lista Katia Rossato.

 

''Che il Bypass Ferroviario nel tratto cittadino con tutte le criticità che ha palesato sia il tema del momento, credo nessuno abbia il coraggio di negarlo. Che potesse invece essere strumentalizzato in questo modo da alcuni candidati alle elezioni Provinciali di ottobre, anche del mio partito e con modalità maldestre in grado di palesare una scarsissima conoscenza dell’argomento, davvero non me lo sarei mai aspettata. Fin dalla tenera età - spiega Rossato - mi hanno insegnato che se un tema non si conosce, o ci si documenta bene prima di parlare o si sta zitti per evitare brutte figure. Da circa due anni, mi sono letteralmente “immersa” in quest’opera che interessa il territorio comunale di Trento, analizzandone ogni aspetto, ogni sfaccettatura ma soprattutto ogni criticità''.

 

 

''Mi rendo conto - conclude Rossato - di come nella vita non si possa sapere tutto, ecco perché risulta fondamentale documentarsi prima di rilasciare qualsiasi dichiarazione. Comunque una cosa è certa, la “tuttologia da campagna elettorale” è oramai matura per diventare un nuovo sport nazionale''. Per la cronaca gli attacchi continuano anche da ''fuori casa'' (negli scorsi giorni Savoi e Spinelli si sono scagliati contro Gerosa) nel centrodestra che sostiene Fugatti. L'editore de La Voce del Trentino, Roberto Conci, oggi esponente dell'Udc, fino al giorno prima della chiusura delle liste convinto sostenitore, invece, di Fratelli d'Italia dopo che aver fatto per un mese campagna elettorale per il partito di Giorgia Meloni ora che è stato lasciato fuori ha come principale obiettivo quello di attaccare Fratelli d'Italia.

 

E così è di ieri l'ennesimo articolo contro Francesca Gerosa (due giorni fa anche uno contro Mirko Bisesti della Lega accusato di avergli copiato il ''santino'' promozionale) definita la ''peggior presidente Itea della storia''. Il tutto in interviste a sé stesso fatte sul suo giornale con tanto di ''Roberto Conci dice'' e con banner pubblicitari del candidato di Fratelli d'Italia Bezzi. Se non siamo all'assurdo poco ci manca. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
07 dicembre - 18:41
Sara Gatti farà lo stesso lavoro dei 5 anni precedenti ma arriverà a prendere più di 100mila euro all'anno, oltre mezzo milione a fine [...]
Cronaca
07 dicembre - 18:53
Gli agenti della polizia locale delle Giudicarie di Tione di Trento, con l’indispensabile supporto fornito dagli ispettori del Servizio Lavoro [...]
Cronaca
07 dicembre - 18:00
A Sen Jan - San Giovanni di Fassa, chi volesse fare il tampone gratuito dovrà essere puntualissimo e sperare che non vi siano code, visto che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato