Contenuto sponsorizzato

Vertice UE da record, raggiunto nella notte l'accordo sul Recovery Fund. Il premier Conte: ''Momento storico per l'Europa e l'Italia. Ora facciamo ripartire il Paese''

Il negoziato è terminato attorno alle 5.30. Il premier italiano: "Con 209 miliardi ora grande responsabilità. Faremo ripartire l'Italia". Soddisfazione anche dal presidente francese, Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel 

Di gf - 21 luglio 2020 - 09:18

TRENTO. Dopo giorni di riunioni e di momenti di vera e propria tensione tra i leader europei, questa notte è stato raggiunto lo storico accordo sul Recovery Fund ed il Bilancio Ue 2021-2027.

 

Un negoziato che è terminato attorno alle 5.30 e che ha visto protagonista il premier italiano Giuseppe Conte assieme a Germania e Francia confrontarsi con i cosiddetti paesi frugali primo fra tutti l'Olanda.

 

E' stato definito un negoziato da record durato quattro giorni e quattro notti. Si tratta, infatti, del summit più lungo della storia dell'Unione Europea al termine del quale si è arrivati all'accordo di un Recovery Fund con una dotazione di 750 miliardi di euro, di cui 390 miliardi di sussidi. Il bilancio è stato fissato, invece, a 1.074 miliardi.

 

“Siamo soddisfatti – ha spiegato il premier Conte alla 6 di questa mattina quando si è presentato davanti ai giornalisti - abbiamo approvato un piano di rilancio ambizioso, adeguato alle necessità che stiamo vivendo e che ci permetterà di affrontare questa crisi con forza ed efficacia”.

 

 

Il premier ha ricordato l'importate momento per l'Europa, storico per l'Italia. “La nostra richiesta, la condizione che abbiamo nutrito in questi mesi, la determinazione perseguita, sono state premiate”.  Il piano di rilancio approvato è davvero consistente. Parliamo infatti di 750 miliardi dei quali il 28% andranno all'Italia.

 

“Abbiamo migliorato l'intervento a nostro favore – ha detto Conte - se consideriamo la proposta originaria. Abbiamo conservato 81 miliardi a titolo di sussidi e incrementati i miliardi in prestito da 91 a 127 miliardi”.

 

Soldi che ora dovranno essere usati per far ripartire il Paese. “Avremo una grande responsabilità, con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far partire l'Italia e di cambiarne il volto. Ora dobbiamo correre e usare questi soldi per riforme strutturali. Intraprendere quel percorso di crescita economica che da anni si attende”. Un piano, che ha tra i suoi punti forti, anche la cosiddetta "rivoluzione verde", il Green deal. 

È un giorno storico per l'Europa", ha scritto su Twitter anche il presidente francese, Emmanuel Macron. "L'Europa ha dimostrato di essere in grado di aprire nuovi orizzonti in una situazione così speciale" ha invece dichiarato Angela Merkel.

 

 Von der Leyen ha aggiunto che il piano verrà ora sottoposto al Parlamento europeo per l’approvazione. Il bilancio discusso dai leader europei, ha spiegato la presidente della Commissione Ue, “alimenterà l’European Green deal  e accelererà la digitalizzazione dell’economia europea”.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

29 settembre - 19:53

Ieri pomeriggio un mezzo pesante ha causato un incidente sulla strada statale 350. A rimanere bloccata anche un'ambulanza che in codice rosso da Serrada stava raggiungendo l'ospedale di Rovereto. I sanitari sono stati costretti a invertire la marcia e scegliere un'altra strada allungando il viaggio d'emergenza 

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato