Contenuto sponsorizzato

Via libera al concorso straordinario per i precari delle scuole dell'infanzia. Bisesti: "Così si garantisce anche la continuità didattica"

Approvato il bando per il concorso straordinario che stabilizzerà i precari delle scuole dell'infazia provinciali ed equiparate. I vincitori dovrebbero entrare in ruolo già a partire da settembre. L'assessore Bisesti: "Così si innalzerà ulteriormente la qualità della nostra scuola di ogni ordine e grado"

Pubblicato il - 24 gennaio 2020 - 16:54

TRENTO. E' stato approvato oggi, venerdì 24 gennaio, un nuovo bando per un concorso straordinario per stabilizzare i precari della scuola dell'infanzia

 

"Il provvedimento approvato oggi – ha sottolineato l’assessore all’istruzione Mirko Bisesti – ha una duplice finalità: garantire stabilità al personale insegnante, che potrà così pianificare meglio il proprio progetto di vita e parallelamente garantire quella continuità didattica che certamente contribuisce ad innalzare ulteriormente la qualità della nostra scuola di ogni ordine e grado". 

 

Al concorso straordinario potranno accedere gli insegnanti che, dall'anno scolastico 2006/2007 all'anno scolastico 2017/2018, abbiano prestato almeno tre anni di servizio continuativo di insegnamento nelle scuole dell'infanzia provinciali o in quelle equiparate. La macchina organizzativa si è quindi messa in moto e tutte le procedure concorsuali dovrebbero concludersi il prossimo agosto in modo da poter permettere ai vincitori di entrare in ruolo già a partire da settembre. "Nonostante il contenzioso per l’impugnativa dello Stato – ha affermato Bisesti – siamo riusciti, apportando delle modifiche nella finanziaria dello scorso dicembre, a mantenere le promesse e a dare così il via al concorso nei tempi previsti".

 

Per accedere al concorso, come già detto, oltre al titolo necessario per insegnare nelle scuole dell'infanzia, è necessario aver prestato servizio continuativamente per tre anni dall'a.s. 2006/2007 all'a.s. 2017/2018. Verranno valutati i titoli e, poi, i candidati verranno sottoposti ad una prova scritta (per la quale non è previsto un punteggio minimo) a risposta multipla. 

 

La commissione esaminatrice avrà a disposizione un massimo di 30 punti da assegnare per la prova scritta e 70 per i titoli di servizio e di cultura. Il bando attribuisce grande valore ai titoli di servizio, con particolare attenzione al servizio prestato nelle scuole dell’infanzia provinciali ed equiparate del Trentino.

 

Le domande di partecipazione dovranno essere compilate e presentate online, entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando, collegandosi al portale della scuola trentina all’indirizzo www.vivoscuola.it/Concorsi. La graduatoria finale avrà durata indeterminata e sarà utilizzata a seguito dell’esaurimento della graduatoria del concorso riservato esistente. I candidati ammessi al concorso, se in possesso di idonee competenze linguistiche, potranno essere eventualmente assunti anche su posti di sezione con competenza linguistica. A tal fine nella graduatoria finale del concorso sarà individuato l'elenco dei candidati idonei per l’eventuale assunzione su tali posti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

18 febbraio - 07:55

La Corte dei Conti ha citato a giudizio la dirigente comunale Clara Campestrini. Sui finanziamenti assegnati dal Comune di Trento all'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi ci sarebbe poca chiarezza 

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato