Contenuto sponsorizzato

Elettrodotto, Fratelli d'Italia presenta la mozione per l'interramento. Cia: “L'attuale progetto è uno scempio ambientale, vogliamo l’interramento”

Presentata la mozione di Fratelli d’Italia per l’interramento dell’elettrodotto. L'attuale progetto sarebbe “dannoso per la salute, la fauna e l'ambiente circostante”. Secondo i consiglieri i circa 6 milioni in più che richiederebbe l'opera sarebbero "soldi ben spesi"

Di Sabina Boscaro - 15 aprile 2021 - 16:26

TRENTO. È stata depositata la mozione di Fratelli d’Italia riguardante l'interramento del futuro elettrodotto ad alta tensione nell'intero tratto che interessa il comune di Trento. La proposta è stata esposta oggi, giovedì 15 aprile, in conferenza stampa da vari esponenti del partito, tra cui il consigliere provinciale Claudio Cia e i consiglieri comunali Giuseppe Urbani e Daniele Demattè

 

L'attuale progetto prevede infatti l'installazione di tralicci che potrebbero arrivare a sfiorare i 45 metri in altezza e con basi larghe circa 10 metri, secondo quanto redatto da Terna Rete Italia Spa, l’azienda che dovrebbe occuparsi dell’installazione. Il voltaggio dovrà inoltre essere aumentato rispetto a quello attualmente presente nelle linee che saranno da essa sostituite: da 220 kw bisognerà infatti passare a 380 kw

 

"E' un tema che coinvolge l'interesse di tutta la popolazione" dichiara Claudio Cia, che definisce il progetto "uno scempio ambientale". “L’opera non avrebbe effetto solo sul paesaggio - afferma il consigliere -, ma anche da un punto di vista sanitario. L’emissione di onde elettromagnetiche potrebbe danneggiare la salute della fauna locale e della popolazione che vive nelle vicinanze”.  

 


 

“In Veneto, in particolare in provincia di Cortina - prosegue Cia -, sono stati realizzati degli interramenti. Questo prova come la politica possa e debba imporsi sulle aziende per quanto riguarda la questione ambientale. Inoltre dimostra che sarebbe perfettamente fattibile realizzare l’interramento in un territorio montagnoso come il nostro”. L’intenzione, in buona sostanza, sarebbe quella di puntare al progresso ed alle nuove tecnologie, che garantirebbero una schermo maggiore dalle emissioni elettromagnetiche.

 

In merito alla questione si sono già mobilitati i residenti dei comuni di Pergine, Civezzano e Borgo Valsugana appoggiando la proposta dell'interramento. Al fine di ascoltare la voce degli abitanti si è quindi scelto di anticipare la discussione della mozione, che verrà esaminata entro un mese. "I tempi non sarebbero lunghi" anticipa Giuseppe Urbani “in 90 giorni la linea potrebbe essere riprogettata con interramento”. 

 

Tale proposta mira anche ad evidenziare l'importanza con cui Fratelli d'Italia si volge al tema dell'ambientalismo, che, afferma il consigliere comunale, "non è prerogativa della sinistra". Non viene negato un sicuro innalzamento dei costi di costruzione, pari a circa 6 milioni di euro secondo il consigliere Cia. Questa somma, che andrà a sommarsi a quella attualmente definita, rappresenta però, secondo il partito, un valido investimento per la tutela del futuro e della fauna selvatica presente in quei luoghi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 maggio - 06:01
Praticamente tutti i territori li hanno sviluppati. Dal Piemonte alla Sicilia, praticamente tutti i territori li hanno presentati come [...]
Cronaca
10 maggio - 21:33
Sono 875 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 26 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 31 guarigioni dal [...]
Cronaca
11 maggio - 07:37
Lo schianto è avvenuto nella tarda serata sul territorio del comune di Sedico nel bellunese. La persona che si trovava alla guida è stata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato