Contenuto sponsorizzato

Covid, Cia: “Difficile vaccinarsi, l’odissea di chi finalmente si decide e non trova posto”

In Trentino è ancora difficile prenotare l’appuntamento per vaccinarsi, il commento di Cia: “Come possiamo continuare a predicare che l’unica arma che abbiamo contro il Covid è la vaccinazione e che è cruciale convincere la minoranza indecisa a vaccinarsi se poi il servizio risulta indisponibile?”

Di T.G. - 06 gennaio 2022 - 16:44

TRENTO. Negli ultimi giorni i contagi da Sars-Cov-2 stanno registrando dei nuovi record, proprio per questo le autorità sanitarie e politiche rinnovano gli appelli alla vaccinazione. Per prenotare una dose di vaccino però non mancano i problemi e dopo le polemiche sulla maratona vaccinale pare che si continuino a registrare delle difficoltà.

 

Questa volta è l’esponente di Fratelli d’Italia, Claudio Cia, a riportare delle lamentele da parte dei cittadini: “Sono stato contattato da diverse persone che, decise a vaccinarsi solo ora dopo innumerevoli dubbi e incertezze, mi hanno riferito di non riuscire a ottenere una prenotazione”, spiega il consigliere provinciale.

 

A questo punto il consigliere ha voluto verificare di persona: si tratta di una persona di 35 anni, residente a Trento, che dal 28 dicembre scorso tenta di prendere un appuntamento per la somministrazione della prima dose di vaccino. “Mi sono fatto dare i dati e ho voluto controllare personalmente, inserendo i suoi riferimenti e simulando una prenotazione online per diverse giornate di seguito e constatando di fatto l’indisponibilità della prenotazione, mentre nelle scorse ore ho trovato posto, verso la fine di gennaio, ma solo a Tione”.

 

Fatto ciò l’esponente di Fratelli d’Italia ha provato a contattare il numero verde di supporto alle prenotazioni 800 867 388: “L’unica cosa che ho saputo è che tutti gli operatori risultavano momentaneamente occupati, con la preghiera di richiamare più tardi”. Nessun attesa, osserva Cia, nessuna risposta da un operatore, la telefonata si chiude con un lapidario invito a riprovare più tardi, “ove sulla base di innumerevoli tentativi il ‘più tardi’ si è risolto in un mai”.

 

Inoltre, sempre stando alla ricostruzione del consigliere, il 35enne di Trento avrebbe provato a presentarsi al centro vaccinale ma sarebbe stato respinto perché privo di prenotazione. “Sono ben consapevole – sottolinea Cia – della grande dedizione di tutti gli attori che sono impegnati nella lotta al Covid, ma proprio mi chiedo: come possiamo continuare a predicare che l’unica arma che abbiamo contro il Covid è la vaccinazione e che è cruciale convincere la minoranza indecisa a vaccinarsi se poi il servizio risulta indisponibile? Io ne sono convinto, ma molte persone sono riluttanti a vaccinarsi perlopiù perché hanno paura. Come si può pensare di accompagnarle in questa scelta, se incontrano così tanti ostacoli?”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
18 agosto - 06:01
L’elenco delle opere trentine per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 vale circa 83 milioni di euro, l’86% coperti con delibere della [...]
Cronaca
17 agosto - 19:36
Rino Mazzurana, 71 anni, era molto attivo nella comunità di Brentonico. Maestro in passato della banda giovanile, ha insegnato alla scuola [...]
Cronaca
17 agosto - 18:46
Nelle ultime ore la protezione civile ha diramato un avviso di allerta gialla per maltempo in Trentino e, come spiega a il Dolomiti l'ingegnere [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato