Contenuto sponsorizzato

Il super robot per le operazioni chirurgiche è scomparso? Zeni: “Due anni persi per l’inerzia di una cattiva organizzazione”

Nel 2019 la Provincia aveva presentato in pompa magna il nuovo robot chirurgico da quel momento però se ne sarebbero perse le tracce. Zeni: “Sarebbe naturale aspettarsi che l’assessora alla sanità prenda per un orecchio il direttore generale, peraltro appena confermato con 20.000 euro di aumento di stipendio, sollecitandolo a fare quello per cui viene pagato”

Di Tiziano Grottolo - 13 aprile 2022 - 09:14

TRENTO. Alla fine del 2019 all’ospedale di Cavalese erano stati operati i primi pazienti con l’ausilio di un robot chirurgico. “Quella utilizzata – spiegava la Provincia in una nota – è una tecnologia sfruttata nelle più moderne sale operatorie che consente attraverso un approccio mini-invasivo un veloce recupero funzionale e il ritorno alle attività quotidiane dei pazienti in tempi brevi”. Insomma uno strumento rivoluzionario.

 

Come sottolinea il consigliere del Partito Democratico, Luca Zeni, il robot è stato usato per un periodo di prova dopodiché era arrivata anche una valutazione positiva e per questo si sarebbe deciso di dotare anche la sanità trentina dello speciale strumento. “I costi di questi robot si aggirano attorno ai 2,5 milioni di euro – afferma Zeni – così nel febbraio 2020 l’Azienda sanitaria ha deliberato di procedere nella forma del noleggio”.

 

Nel frattempo però qualcosa sarebbe andato storto. Da quanto trapela all’interno dell’ortopedia trentina sarebbero emerse posizioni diverse rispetto alle modalità di utilizzo del robot. Da un lato chi avrebbe voluto vederlo assegnato a un ospedale specifico, dall’altro chi sosteneva che era meglio farlo “ruotare” fra varie strutture.

 

Di fronte a queste diverse posizioni – osserva il consigliere Dem – in un sistema aziendale che funziona, sarebbe naturale aspettarsi che il direttore generale dell’Apss, sentite le diverse argomentazioni, decida quale soluzione adottare. E se il direttore generale dovesse rimanere inerte, in un sistema istituzionale che funziona, sarebbe naturale aspettarsi che l’assessora alla sanità prenda per un orecchio il direttore generale – peraltro appena confermato con 20.000 euro di aumento di stipendio, ricorda Zeni – sollecitandolo a fare quello per cui viene pagato”.

 

Stando a quanto sostiene il consigliere di opposizione però, non sarebbe avvenuto assolutamente nulla. Nessuno si sarebbe mosso. “Purtroppo dal febbraio 2020, l’ortopedia trentina è rimasta senza risposte e il robot, di cui era già stato deliberato il noleggio o l’acquisto, non è arrivato. Eppure – prosegue Zeni – questi robot hanno continuato a essere venduti e utilizzati, anche durante il periodo Covid, inoltre pare che recentemente se ne siano dotati anche in Alto Adige e in realtà ospedaliere private del Trentino”.

 

Per questo l’esponente Dem ha deciso di presentare un’interrogazione per far luce sulla vicenda. “In un mondo dove la tecnologia è in continua evoluzione – conclude Zeni – la sanità, per rimanere all’avanguardia e dare le migliori risposte ai cittadini, deve essere efficiente e tempestiva, non può perdere oltre due anni semplicemente per l’inerzia di una cattiva organizzazione. La politica invece ha il dovere di supervisionare e verificare che simili ritardi non avvengano, a meno che l’obiettivo non sia quello di rendere più attrattivo il sistema sanitario privato rispetto a quello pubblico”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 June - 14:02
Dopo la candidata sindaca a Comano Terme e i casi più eclatanti del consigliere provinciale Job e delle consigliere Ambrosi e [...]
Politica
26 June - 12:34
In questi giorni, nonostante i divieti, alcune persone hanno scelto le sponde del lago di Tenno per piantare le loro tende. Il sindaco: “Questo [...]
Cronaca
26 June - 11:11
Gli esperti di Meteotrentino confermano che tra oggi e domani (lunedì 27 giugno) le condizioni rimarranno sostanzialmente stabili sul territorio [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato