Contenuto sponsorizzato

Scuola, welfare e sanità come motori della società? Il Nobel Hackerman: ''Non è così. La mobilità sociale è favorita dal luogo che si sceglie per vivere più che dall'istruzione''

James Hackerman, Premio Nobel per l’economia nel 2010, che ha presentato a Trento, nell'ambito del Festival dell'Economia, la sua ricerca condotta sulle società di Danimarca e Usa. Due società apparentemente agli antipodi una terra del welfare, dell'equità e delle pari opportunità, l'altra nota per le grandi possibilità ma anche per le disuguaglianze sociali eppure i risultati sono stati simili

Pubblicato il - 25 maggio 2024 - 12:10

TRENTO. Più che scuola, welfare o sanità è la famiglia la vera risposta alla crescita sociale, in Occidente come ovunque. Non ha dubbi James Hackerman, Premio Nobel per l’economia nel 2010, che ha presentato a Trento, nell'ambito del Festival dell'Economia, la sua ricerca condotta sulle società di Danimarca e Usa. Due società apparentemente agli antipodi una terra del welfare, dell'equità e delle pari opportunità, l'altra nota per le grandi possibilità ma anche per le disuguaglianze sociali.

 

Lo studio di Hackerman (con il supporto di Rasmus Landersø) si è proprio interrogato su come possono due basi così differenti produrre risultati tanto simili, quando si va ad osservare la mobilità sociale intergenerazionale? Che la chiave di lettura non stia nell’investire su sanità, istruzione e benessere generale? Per il Premio Nobel è proprio così: perché i figli possano fare una “scalata sociale” rispetto ai genitori, bisogna cominciare a valutare fattori differenti.

 

“I nostri governi, per consentire la mobilità sociale e il successo delle nuove generazioni, devono investire nelle famiglie e in tutto ciò che ad esse si correla. La mia ricerca ha reso chiaro come, pur in due società così diverse per welfare, ad incidere sui risultati sono, più che l’istruzione (tema oggi centrale in America), fattori come la scelta del quartiere in cui vivere e l’esposizione al 'buon esempio' familiare”.

“Studiando i dati disponibili, abbiamo compreso come centralissima sia, ad esempio, la scelta del luogo in cui si sceglie di vivere – ha spiegato -. Crediamo spesso che l’istruzione sia fondamentale per il successo, al punto che in Danimarca si sono fatti esperimenti spostando i bambini più poveri in scuole elitarie, al fine di consentire loro un’istruzione più alta. Tuttavia i risultati non sono stati buoni. Così come buoni non sono in America, quando si tenta lo stesso principio con borse di studio, ecc. Il motivo? È che non c’è accettazione da parte di un gruppo dell’altro”.

 

Più che la scuola, allora, conta il quartiere, la zona, il posto in cui si abita, si vive, si convive, si coesiste e interagisce: “Le competenze non vengono prodotte solo nella scuola, grazie all’istruzione formale, ma dobbiamo tenere conto anche dei rapporti tra coetanei e tra vicini, nonché interni alla famiglia. Fondamentale, allora, è la scelta del dove stare. Una scelta che per forza di cose è fatta dai genitori. E più è tardiva l’esposizione ad un buon quartiere, ad un buon luogo – abbiamo visto – peggiori saranno i risultati nella vita dell’individuo, più bassi saranno i valori di partecipazione alla vita sociale”.

Un quadro apparentemente sconfortante, per i sostenitori del welfare, ma che in realtà non lo è. Bastano alcuni accorgimenti e ridirezionamenti: “Le politiche in favore del capitale umano devono fondarsi su fiscalità incentivante – ha concluso Hackerman -. Se i sussidi distribuiti a profusione possono produrre effetti paradossali come lo scoraggiamento della partecipazione attiva al mondo del lavoro, investire sulle famiglie può avere solo effetti positivi: incoraggiamo le famiglie, con politiche e programmi ad hoc. Aiutiamo le famiglie, affinché siano loro poi ad aiutare i figli”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
14 giugno - 18:52
Confesercenti della Lombardia Orientale lancia l'allarme in vista della nuova stagione: “Occorre però un salto di qualità anche nella [...]
altra montagna
14 giugno - 19:31
Zero voti. Questo è il dato da cui partire per analizzare l’esperienza elettorale di Luca Mercalli, noto climatologo e divulgatore scientifico [...]
Cronaca
14 giugno - 18:35
La 24enne nonesa dopo la straordinaria vittoria sui 10 chilometri in pista è stata festeggiata dalle massime autorità sportive e politiche. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato