Contenuto sponsorizzato

Andreatta sta cedendo al "ricatto". Verso il sacrificio le due donne Maule e Ferrari

Salvatore Panetta sembra riuscire nel suo intento, tornare in giunta. Pattini in pole-position per la poltrona di presidente del Consiglio comunale, lo era stato già in passato. "Quota rosa" per Lucia Coppola che entrerebbe nella squadra con delega all'Ambiente.

Di Donatello Baldo - 27 settembre 2016 - 13:27

TRENTO. Sono queste le indiscrezioni dell'ultima ora.  Il sindaco avrebbe deciso di sacrificare due donne della sua giunta, Marika Ferrari, la più giovane di tutta la squadra, e la titolare dell'assessorato all'innovazione Chiara Maule. Una decisione che avrebbe preso "con profonda sofferenza".

 

Fino a ieri sera l'ipotesi più accreditata era quella del mini-rimpasto, ma le voci insistenti di questa mattina sembrano propendere per la soluzione più drastica. Alessandro Andreatta non avrebbe saputo fronteggiare il "ricatto" delle fronde degli insofferenti, tra questi Salvatore Panetta che sembra riuscire nell'intento di riprendersi un assessorato, subentrando a Chiara Maule. 

 

Per garantire una presenza femminile in giunta, oltre a Mariachiara Franzoia, arriverebbe in soccorso Lucia Coppola a cui andrebbe l'assessorato all'ambiente. Il suo scranno di presidente del Consiglio comunale potrebbe andare da Alberto Pattini del Patt, partito che più volte ha chiesto al primo cittadino "di essere considerato"

 

Elisabetta Bozzarelli, esponente del Pd, non è certa della fondatezza di questa ipotesi. "Il sindaco ha più volte rivendicato come una scelta a cui non vorrebbe rinunciare quella di tre donne in giunta". Ma se così fosse, se venissero lasciate a casa Ferrari e Maule, "non sarebbe una buona notizia". La consigliera non vuole esprimersi sulle scelte del sindaco: "Spetta a lui decidere e da parte del gruppo consigliare c'è la massima fiducia e il massimo sostegno. Certo che se ci fosse una riduzione della componente femminile in giunta - aggiunge - e se una donna come Lucia Coppola perdesse la posizione di vertice del consiglio comunale, personalmente sarei molto amareggiata". 

 

Manulea Bottamedi, consigliera provinciale, dice che tutto questo "sarebbe umiliante" per le donne. "Non mi meraviglierebbe se questa fosse la soluzione, se ancora una volta fosse sacrificata la componente femminile. Questa maggioranza - afferma durissima - usa le donne per sistemare situazioni di poltrone e di potere". Rincara la dose: "Questa sinistra fa mille proclami sulla valorizzazione delle donne ma nei fatti fa l'opposto di quello che dice. E quello che è peggio - sottolinea - è che le donne di sinistra non levano nessuna voce, zitte zitte accettano tutto questo". 

 

Il Movimento 5 Stelle, in una nota, dichiara che "finché non ci sarà chiarezza non prenderemo parte ai consigli comunali perché non ci sembra corretto 'scaldare' la sedia e ricevere il gettone di presenza per portare avanti il nulla". I grillini  annunciano che rimarranno in strada, sotto palazzo Thun, "ad ascoltare i cittadini che vorranno raccontarci i loro bisogni primari e torneremo in aula quando sarà fatta chiarezza una volta per tutte".

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 05:01

I sindacati Cgil, Cisl e Uil: "Chi chiedeva trasparenza e azioni concrete per contenere il contagio veniva accusato, mentre in realtà voleva solo preservare il territorio. Com'è che diceva il presidente Maurizio Fugatti? 'E poi si tira la riga e si vede il risultato'. Eccolo purtroppo". Zanella (Futura): "Giudizio impietoso. E non interessa del personale al collasso, mica c'è lui a riorganizzare e farsi turni massacranti"

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato