Contenuto sponsorizzato

Cia, Bottamedi e Fugatti: "Subito un Cie in Trentino per diminuire la delinquenza e il sovraffollamento in carcere"

I consiglieri presenteranno una mozione in Consiglio provinciale. "Sul nostro territorio osserviamo che i reati riferiti allo spaccio della droga attualmente trattengono in carcere il 38,8% dei detenuti. La maggior parte sono immigrati"

Pubblicato il - 23 marzo 2017 - 19:02

TRENTO. “La Provincia di Trento si attivi con decisione per aprire sul nostro territorio, possibilmente non in zona residenziale, un Centro di identificazione e espulsione. Ne gioverebbe la sicurezza di tutta la comunità”. La richiesta è contenuta in un mozione che sarà presentata in Consiglio provinciale da parte del Centro destra trentino e a illustrarne le motivazioni sono stati i consiglieri Claudio Cia, Manuela Bottamedi e Maurizio Fugatti.

 

Il tema dei cosiddetti “Cie” è tornato a far discutere dopo la presentazione del nuovo piano per l'immigrazione fatta del ministro dell'Interno, Marco Minniti, che prevede nelle regioni italiane l'istituzione di centri piccoli, da massimo 80-100 persone, sparsi per tutta Italia e possibilmente vicino agli aeroporti per accelerare i rimpatri.

 

Ora dal centrodestra trentino la richiesta di velocizzare i tempi affinché questi centri vengano istituiti il prima possibile.

 

“Nessuno vuole dei campi di concentramento – ha immediatamente chiarito Claudio Cia – il nostro obiettivo è quello di creare un centro dignitoso e rispettoso ovviamente dei diritti umani. Il tutto gestito, come dice la legge, dal prefetto e quindi non più in disponibilità dalla Provincia”.

 

L'apertura di un Cie sul territorio, secondo i consiglieri, andrebbe a beneficio dell'intera comunità con effetti positivi sulla diminuzione della delinquenza ma anche sull'attuale sovraffollamento del carcere di Spini di Gardolo.

 

“Sul nostro territorio – spiega il consigliere di Agire - noi osserviamo che i reati riferiti allo spaccio della droga attualmente trattengono in carcere il 38,8% dei detenuti. Il nostro carcere oggi ha 360 detenuti, quando invece ne dovrebbe avere 280, e ben 262 sono stranieri. Un Cie in provincia consentirebbe di velocizzare l'identificazione delle persone e avviarne l'espulsione. Dobbiamo fare in modo che il carcere serva per i detenuti e non diventi una sorta di comunità di recupero”.

 

A parlare della necessità di un Centro di identificazione e espulsione in provincia è anche il consigliere e segretario della Lega, Maurizio Fugatti. “C'è chi pensa solamente al Garante dei detenuti – spiega – ma noi invece chiediamo l'istituzione di un Cie che potrà risolvere veramente i problemi. L'intero sistema deve però funzionare con un potenziamento dei controlli alle frontiere e i pattugliamenti. Una struttura simile potrà anche decongestionare le carceri italiane”.

 

La consigliera Manuela Bottamedi, invece, ha fatto un raffronto con la situazione trentina e italiana con il nord Tirolo. “Loro – spiega – hanno un carico di migranti ben maggiore del nostro ma la situazione è migliore pur non mancando i problemi. Hanno un modello di gestitone direttamente provinciale”. A differenza dell'attuale situazione italiana, ha spiega la consigliera Bottamedi, “l'80% degli immigrati risulta essere richiedenti asilo e quindi aventi diritto e solo il 20% viene espulso. Da noi, invece, è il contrario proprio per una serie di politiche italiane molto disordinate che hanno permesso l'ingresso disordinato e senza controllo degli immigrati”.

 

Ecco allora che la creazione di un Cie “consentirebbe una migliore gestione dell'immigrazione dando possibilità a chi ne ha diritto di essere accolto e integrato. Centri di questo genere potrebbero diventare il segmento che adesso manca per ridurre i tempi di identificazione”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato