Contenuto sponsorizzato

Cia, Bottamedi e Fugatti: "Subito un Cie in Trentino per diminuire la delinquenza e il sovraffollamento in carcere"

I consiglieri presenteranno una mozione in Consiglio provinciale. "Sul nostro territorio osserviamo che i reati riferiti allo spaccio della droga attualmente trattengono in carcere il 38,8% dei detenuti. La maggior parte sono immigrati"

Pubblicato il - 23 marzo 2017 - 19:02

TRENTO. “La Provincia di Trento si attivi con decisione per aprire sul nostro territorio, possibilmente non in zona residenziale, un Centro di identificazione e espulsione. Ne gioverebbe la sicurezza di tutta la comunità”. La richiesta è contenuta in un mozione che sarà presentata in Consiglio provinciale da parte del Centro destra trentino e a illustrarne le motivazioni sono stati i consiglieri Claudio Cia, Manuela Bottamedi e Maurizio Fugatti.

 

Il tema dei cosiddetti “Cie” è tornato a far discutere dopo la presentazione del nuovo piano per l'immigrazione fatta del ministro dell'Interno, Marco Minniti, che prevede nelle regioni italiane l'istituzione di centri piccoli, da massimo 80-100 persone, sparsi per tutta Italia e possibilmente vicino agli aeroporti per accelerare i rimpatri.

 

Ora dal centrodestra trentino la richiesta di velocizzare i tempi affinché questi centri vengano istituiti il prima possibile.

 

“Nessuno vuole dei campi di concentramento – ha immediatamente chiarito Claudio Cia – il nostro obiettivo è quello di creare un centro dignitoso e rispettoso ovviamente dei diritti umani. Il tutto gestito, come dice la legge, dal prefetto e quindi non più in disponibilità dalla Provincia”.

 

L'apertura di un Cie sul territorio, secondo i consiglieri, andrebbe a beneficio dell'intera comunità con effetti positivi sulla diminuzione della delinquenza ma anche sull'attuale sovraffollamento del carcere di Spini di Gardolo.

 

“Sul nostro territorio – spiega il consigliere di Agire - noi osserviamo che i reati riferiti allo spaccio della droga attualmente trattengono in carcere il 38,8% dei detenuti. Il nostro carcere oggi ha 360 detenuti, quando invece ne dovrebbe avere 280, e ben 262 sono stranieri. Un Cie in provincia consentirebbe di velocizzare l'identificazione delle persone e avviarne l'espulsione. Dobbiamo fare in modo che il carcere serva per i detenuti e non diventi una sorta di comunità di recupero”.

 

A parlare della necessità di un Centro di identificazione e espulsione in provincia è anche il consigliere e segretario della Lega, Maurizio Fugatti. “C'è chi pensa solamente al Garante dei detenuti – spiega – ma noi invece chiediamo l'istituzione di un Cie che potrà risolvere veramente i problemi. L'intero sistema deve però funzionare con un potenziamento dei controlli alle frontiere e i pattugliamenti. Una struttura simile potrà anche decongestionare le carceri italiane”.

 

La consigliera Manuela Bottamedi, invece, ha fatto un raffronto con la situazione trentina e italiana con il nord Tirolo. “Loro – spiega – hanno un carico di migranti ben maggiore del nostro ma la situazione è migliore pur non mancando i problemi. Hanno un modello di gestitone direttamente provinciale”. A differenza dell'attuale situazione italiana, ha spiega la consigliera Bottamedi, “l'80% degli immigrati risulta essere richiedenti asilo e quindi aventi diritto e solo il 20% viene espulso. Da noi, invece, è il contrario proprio per una serie di politiche italiane molto disordinate che hanno permesso l'ingresso disordinato e senza controllo degli immigrati”.

 

Ecco allora che la creazione di un Cie “consentirebbe una migliore gestione dell'immigrazione dando possibilità a chi ne ha diritto di essere accolto e integrato. Centri di questo genere potrebbero diventare il segmento che adesso manca per ridurre i tempi di identificazione”.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
05 agosto - 20:44
Un timoniere dal talento unico e cristallino, il velista si è confermato tra i migliori interpreti della disciplina e Tita non ha mai nascosto [...]
Politica
05 agosto - 20:53
Ennesima protesta No-vax in piazza a Trento, presenti anche i consiglieri di Fratelli d’Italia Demattè e Rossato: “Siamo qui per dire no [...]
Cronaca
05 agosto - 20:26
Trovati 33 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 36 guarigioni. Ci sono 11 pazienti in ospedale, di cui 1 persona in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato