Contenuto sponsorizzato

Riforma anziani, il Tavolo condivide la proposta della Provincia. Definito ruolo e compiti dello "Spazio Argento"

Sarà creato un Comitato di Direzione composto da: il responsabile di Spazio Argento, il responsabile dell'Unità Operativa delle Cure Primarie e da un direttore di APSP rappresentate delle APSP presenti sul territorio.

Pubblicato il - 31 luglio 2017 - 19:44

TRENTO. Il tavolo di lavoro sul “Welfare Anziani” ha condiviso oggi la proposta di riforma della materia. Il documento arriva dopo un lungo percorso di confronto e partecipazione. In particolare, negli ultimi quattro mesi, il tavolo ha approfondito compiti e ruolo dello “Spazio Argento”.

 

"Il documento condiviso oggi dal tavolo sul welfare anziani - ha dichiarato l'assessore provinciale Luca Zeni - definisce il funzionamento di Spazio Argento con una nuova prospettiva nella gestione dei servizi agli anziani, capace di migliorarne l'integrazione e ponendolo quale riferimento unico per le famiglie".

 

Nella proposta si prevede l'istituzione di un Comitato di Direzione di “Spazio Argento” composto da: il responsabile di Spazio Argento, il responsabile dell'Unità Operativa delle Cure Primarie e da un direttore di APSP rappresentate delle APSP presenti sul territorio.

 

Attraverso Spazio Argento vengono inoltre previsti l'attivazione e il coordinamento di un tavolo territoriale specifico per il tema anziani, coinvolgendo tutti gli attori del sistema, per raccogliere le istanze del territorio ed elaborare la proposta di pianificazione territoriale da cui potranno emergere anche indicazioni su quali tipologie di iniziative promuovere (ad esempio investire in maniera più marcata sulla prevenzione o sul co-housing, piuttosto che sulla residenzialità leggera).

 

In quest'ottica, che prevede “Spazio Argento” collocato all'interno della Comunità, viene salvaguardata la sua valenza di strumento di integrazione dei servizi rivolti agli anziani e vien meno la necessità di fusione delle APSP (che sarebbe stata invece necessaria nello scenario che prevedeva l'istituzione di un'Agenzia/APSP di Valle per garantire una programmazione territoriale unitaria).

La prima fase del percorso su questo tema ha portato a un documento frutto del lavoro coordinato dall'Universita Sda Bocconi da cui è emersa l'evidenza dei trend d'invecchiamento della popolazione trentina e la correlata necessità di maggiore integrazione dei servizi socio sanitari dedicati agli anziani.

 

La conseguente proposta della Giunta provinciale, discussa nello scorso mese di febbraio, prevedeva di istituire "Spazio Argento" quale luogo in cui far confluire le diverse professionalità del sociale e del sanitario che si occupano di anziani.

 

Luogo di riferimento unico per le famiglie per costruire piani personalizzati di assistenza e capace di promuovere la prevenzione e di fornire tutte le risposte necessarie alle richieste di cura delle persone anziane e delle loro reti famigliari. Un luogo che al contempo deve raccogliere i bisogni del territorio e fornire indicazioni rispetto all'allocazione delle risorse per le politiche per gli anziani. 

 

Nella riunione di oggi l'assessore Zeni ha anche informato il tavolo che proporrà alle forze politiche e al Consiglio Provinciale una condivisione della parte di proposta che riguarda in particolare l’assetto istituzionale.

 

"Viene confermata l'allocazione dell'interno budget destinato alle politiche per gli anziani in capo alle Comunità - ha ribadito Zeni - garantendo così una forte valorizzazione e protagonismo dei territori; e la collocazione dello Spazio Argento all'interno della stessa Comunità di Valle". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 marzo - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

03 marzo - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato