Contenuto sponsorizzato

Le Biblioteche di Ateneo cambiano orario, ma rimangono aperte

Mentre gli spazi studio vengono chiusi e lezioni ed esami spostati in modalità a distanza, l'Università di Trento ha deciso di mantenere aperte le Biblioteche di Ateneo, che cambieranno però orario. Lunedì 9 novembre apriranno quindi la Buc e le biblioteche di Scienze e Ingegneria

Di Mattia Sartori - 08 novembre 2020 - 13:34

TRENTO. Buone notizie per gli studenti trentini: rimangono aperte le biblioteche di Ateneo, anche se con nuovi orari. Da lunedì 9 novembre infatti, al contrario delle sale studio che verranno chiuse, la Buc, la biblioteca di Scienze e quella di Ingegneria apriranno le porte agli universitari. Con le biblioteche rimangono accessibili anche i relativi servizi di prestito e consultazione. L'accesso sarà garantito solamente a studenti e studentesse di UniTrento e all'utenza interna dell'Ateneo

 

Per entrare nelle strutture sarà necessario seguire una serie di passi. In primis lo studente interessato dovrà procedere ad un controllo della disponibilità di posti a sedere tramite l'apposita UniTrentoApp. Inoltre sarà imperativo il rispetto delle norme di sicurezza a tutela della propria e altrui salute. Sarà quindi obbligatoria l'autocertificazione del proprio stato di salute, disinfettarsi le mani, indossare la mascherina e avvisare quando si lascia un posto in modo che venga sanificato. 

 

Gli orari saranno i seguenti:

BUC:  lun.-ven. ore 8.00-17.45 | Ufficio prestito interbibliotecario: 9.00-14.00
Biblioteca di Ingegneria: lun.-ven. ore 8.00-17.45
Biblioteca di Scienze: lun.-ven. ore 8.00-17.45
Sala studio Cavazzani:  chiusa
Biblioteca Scienze cognitive:  chiusa

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato