Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, riaprono le biblioteche: si potrà rimanere all'interno al massimo 10 minuti. Le restituzioni saranno messe in quarantena

L'apertura è prevista dal lunedì al venerdì, con ingressi contingentati. documenti restituiti vengono poi messi in quarantena per sette giorni, nei quali resteranno ancora in carico all'utente; saranno poi cancellati dal prestito

Pubblicato il - 19 January 2021 - 16:31

TRENTO. A Trento tornano a riaprire le biblioteche. A partire da domani sarà possibile tornare a frequentarle nel rispetto delle misure di sicurezza, come previsto dal Dpcm del 14 gennaio che permette l'apertura al pubblico dei musei e delle biblioteche.

 

L'apertura è prevista dal lunedì al venerdì, con ingressi contingentati: per ciascuna sede è individuato il numero massimo di persone contemporaneamente presenti nelle sale. Si potrà restare in biblioteca il tempo necessario per scegliere i libri da prendere in prestito, e comunque non oltre i 10 minuti per ciascuno.

 

Nella sede centrale l'accesso agli scaffali è limitato alle raccolte di Sala Manzoni. Si può accedere al primo e secondo piano soltanto per usare le sale di studio: è necessario prenotare il posto telefonando al numero 0461/889521. Per i servizi della Sala Trentina bisogna chiamare il numero 0461/889546, per l'archivio storico 0461/889548. L'accesso alle sale di studio (massimo 61 posti disponibili al I piano, massimo 6 in Sala Trentina) è consentito solo a studenti e ricercatori.

 

Il sabato, secondo il Dpcm, le biblioteche restano chiuse al pubblico, ma la sede di via Roma, quelle di Gardolo e di Mattarello, effettueranno il servizio di prestito su appuntamento. I prestiti verranno consegnati fuori dalla porta delle biblioteche all'orario concordato con gli utenti.

 

Il prestito a domicilio è sospeso: sarà garantito solo, nell'ambito delle circoscrizioni del centro, per chi non può uscire di casa e non può delegare ad altri il ritiro dei libri, e per gli ultrasettantenni che preferiscono non uscire.

 

Le restituzioni sono attive in tutte le sedi secondo l'orario di apertura, anche il sabato. Per motivi di sicurezza, i libri vengono depositati dagli stessi utenti in contenitori posti vicino all'entrata delle biblioteche. I documenti restituiti vengono poi messi in quarantena per sette giorni, nei quali resteranno ancora in carico all'utente; saranno poi cancellati dal prestito quando potranno essere manipolati in sicurezza, al termine della quarantena.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 February - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 February - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 February - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato