Contenuto sponsorizzato

Università, eletto il nuovo rettore: vince Flavio Deflorian, primo ex-alunno ad ottenere l'incarico

Flavio Deflorian sarà il nuovo rettore dell'Ateneo trentino. A 57 anni sostituirà il rettore Collini in cabina di regia, diventando il primo ex-alunno ad occupare la massima carica dell'Università. Collini: "L’Ateneo oggi ha scelto il suo nuovo rettore e questa non può che essere la scelta migliore. Auguro al nuovo rettore eletto un buon lavoro per i prossimi anni a venire"

Pubblicato il - 23 febbraio 2021 - 19:06

TRENTO. È Flavio Deflorian il nuovo rettore dell’Università di Trento. La sua nomina è arrivata dopo la campagna elettorale che lo ha visto opporsi a Massimiliano Sala e vincere con 491,3 voti pesati su 664,91. Il professor Flavio Deflorian, ordinario di Scienza e tecnologia dei materiali al Dipartimento di Ingegneria industriale, è riuscito a imporsi nella competizione elettorale già al termine della prima giornata di votazioni. L’ufficializzazione dei risultati è avvenuta già stasera da parte della Commissione elettorale.

 

La durata istituzionale dell’incarico a rettore è di sei anni (non rinnovabile) a partire dalla data dell'atto di nomina, che sarà disposto dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nei prossimi giorni.

 

L’annuncio dell’elezione è stato dato da Palazzo Sardagna, sede del Rettorato, in diretta sul canale Youtube dell’Ateneo dalla presidente della Commissione elettorale, la professoressa Anna Simonati, alla presenza della commissione stessa (in parte collegata in videoconferenza), del decano Remo Job e del rettore Paolo Collini. Alla proclamazione erano presenti entrambi i candidati.

 

Una curiosità: si tratta del primo rettore “alumno” della storia dell’Ateneo trentino. Flavio Deflorian infatti si è laureato in Ingegneria dei Materiali (con il massimo dei voti e la lode), nel febbraio 1989 proprio all’Università di Trento, ateneo che guiderà dal primo aprile per sei anni.

 

Le prime congratulazioni al professor Deflorian sono arrivate dal rettore uscente Paolo Collini: «In questa campagna elettorale sono mancate le occasioni di incontro fisico, ma il dibattito si è comunque svolto in modo efficace nel dare spazio alle opinioni di tutti. L’Ateneo oggi ha scelto il suo nuovo rettore, con grande partecipazione e senso di responsabilità e questa non può che essere la scelta migliore. Auguro al nuovo rettore eletto un buon lavoro per i prossimi anni a venire. Il professor Deflorian assume questo incarico in una fase difficile con tante incognite legate alla pandemia. Il mio auspicio è che questa situazione di incertezza termini al più presto e che si possa tornare a una situazione di normalità anche per tutta la nostra comunità universitaria. L’Ateneo ha visto anni di grande crescita sia quantitativa che qualitativa nelle sue attività didattiche e di ricerca. Ma le cose che rimangono da fare sono molte e importanti. Guardo con fiducia al prossimo mandato, perché nel dibattito elettorale sono emerse una grande volontà e buone idee per assicurare alla comunità studentesca e a tutto il nostro Ateneo un futuro sereno e positivo».

 

A pochi minuti dalla notizia della proclamazione è arrivato anche il messaggio del presidente del Consiglio di amministrazione dell’Ateneo, Daniele Finocchiaro: «Si chiude una campagna elettorale che ha visto la nostra Università interrogarsi sul proprio futuro, sulle prospettive e le direzioni di crescita e sviluppo. Desidero ringraziare tutto il personale dell’Ateneo coinvolto nelle varie fasi delle elezioni per il lavoro svolto con impegno e professionalità soprattutto in un momento così difficile come quello che stiamo attraversando». E al nuovo rettore le congratulazioni e un augurio: «A nome di tutto il Consiglio di amministrazione desidero congratularmi con il professor Deflorian per il risultato ed esprimere il nostro augurio di buon lavoro».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato