Contenuto sponsorizzato

Trasporti, in Trentino OpenMove lancia la validazione Bluetooth: “Lo smartphone rileverà in automatico il mezzo su cui si è saliti”

L'applicazione, già utilizzata da più di 100mila utenti in Trentino, permette di pianificare il percorso su tutta la rete del trasporto pubblico locale nel territorio provinciale: da lunedì 5 dicembre la realtà roveretana lancerà la validazione Bluetooth sull'app, prima esempio in Italia su una scala così ampia e tra i primi in Europa

Di F.S. - 02 dicembre 2022 - 18:53

ROVERETO. Il trasporto in Trentino si fa sempre più 'smart': OpenMove ha annunciato che dal 5 dicembre lancerà la validazione Bluetooth sulla propria app su tutto il territorio provinciale, primo esempio in Italia su una scala così ampia e tra i primi in Europa. La realtà nata a Rovereto, la cui app è già utilizzata da più di 100mila utenti in Trentino, permette in poche parole di pianificare il percorso su tutta la rete del trasporto pubblico locale nel territorio provinciale (compresi autobus urbani ed extraurbani, funivia e treni regionali), consultando gli orari per linea e fermata ed acquistando i biglietti con un solo tocco per poi validarli alla salita sul mezzo: proprio quest'ultima funzionalità, da lunedì prossimo, sarà possibile anche tramite Bluetooth sugli oltre 700 mezzi in forza a Trentino trasporti.

 

Inizialmente solo un gruppo selezionato di utenti avrà accesso all'opzione Bluetooth (che andrà ad aggiungersi alle altre tipologie di validazione già in uso come la lettura del Qr code a bordo del veicolo e la scansione del tag Nfc), ma dopo le prime settimane di test la funzionalità verrà estesa a tutti gli utenti dell'app OpenMove: “La nuova funzionalità – scrive l'azienda roveretana – permetterà agli smartphone degli utenti, grazie alla tecnologia Bluetooth, di rilevare automaticamente il mezzo su cui sono saliti, rendendo l'esperienza utente ancora più fluida. Facilitare l'accesso al trasporto pubblico è infatti cruciale per agevolare il cambio modale verso il Tpl: rispetto all'auto privata, il trasporto pubblico soffre di appetibilità perché risulta spesso laborioso pianificare in anticipo il percorso, trovare la fermata ed acquistare il titolo di viaggio. Grazie all'app OpenMove, con cercapercorso integrato, gli orari ed i biglietti a portata di mano, si riescono ad abbattere molte barriere di accesso alla mobilità pubblica, incentivandone l'utilizzo”.

 

Ed è proprio in questa direzione che si muove la decisione di innestare una nuova modalità di validazione come il Bluetooth: “E' più facile per gli utenti – scrive OpenMove – consente un incarrozzamento più veloce e migliora la ricchezza di dati per l'operatore di trasporto che può così avere il polso dei flussi di mobilità in tempo reale. OpenMove ha deciso di implementare questa innovazione a costo zero, sia per l'operatore di trasporto sia per gli utenti: la tecnologia comunica infatti con hardware di bordo già presente e non si rende necessario quindi installare dispositivi aggiuntivi. L'investimento per lo sviluppo software necessario per aggiungere ed integrare questa funzionalità nello scenario esistente è stato sostenuto in toto da OpenMove, che si conferma quindi come una realtà con la volontà e la capacità di portare innovazione tangibile a beneficio di tutti”.

 

I numeri di OpenMove nel frattempo, dice l'azienda, sono in continua crescita in Trentino, anche se “è soprattutto fuori regione che si concentra il business dell'azienda, che vanta clienti nella maggior parte delle regioni italiane e in totale in 14 Paesi al mondo, con tre progetti recentemente partiti in Portogallo, India e Arabia Saudita”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
31 gennaio - 13:42
L'ex assessore Zeni: "La grande credibilità di questa terra e delle sue organizzazioni è stata consumata [...]
Cronaca
31 gennaio - 11:57
L'indagine è il secondo filone di quello che negli scorsi anni aveva già portato a fermare 18 persone sempre in Val di Fassa e in Val di Fiemme. [...]
Politica
30 gennaio - 20:52
Attesa entro fine febbraio l'approvazione del progetto in Giunta provinciale. Le risorse previste ammontano a 60 milioni. Il presidente Fugatti: [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato