Contenuto sponsorizzato

Carlo Miniussi nuovo direttore del CiMeC

Ricoprirà il ruolo per i prossimi tre anni

Pubblicato il - 07 settembre 2016 - 18:21

ROVERETO. Questo pomeriggio il Senato accademico dell'Università di Trento ha nominato il professor Carlo Miniussi, ordinario di Fisiologia umana, come nuovo direttore del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) per il prossimo triennio.

 

Il professor Miniussi, docente dell’Ateneo trentino dal giugno scorso, prenderà servizio il 1 ottobre e va a sostituire Massimo Turatto che ha ricoperto l’incarico ad interim in attesa della conclusione della procedura di individuazione del nuovo direttore.

Classe 1961, originario di Monfalcone, il professor Miniussi si occupa a livello scientifico di studiare la mente umana e la sua complessità e svolge ricerca nel campo delle neuroscienze cognitive con particolare riferimento agli ambiti della plasticità corticale  della memoria e dell’invecchiamento. Si occupa anche di valutare i correlati neurofisiologici di alcuni disordini neurali attraverso l’uso dell’elettroencefalografia e delle tecniche non invasive di stimolazione del cervello, come la stimolazione magnetica. Negli ultimi anni si è dedicato al trasferimento delle conoscenze dalla ricerca di base all’ambito clinico alfine di trasformare tali conoscenze in protocolli che possano essere utilizzati per migliorare la salute e il benessere dell’uomo. Dal 1997 al 2016 ha firmato 155 pubblicazioni scientifiche, oltre a tre libri scientifici e diversi capitoli. H-index: Google Scholar: 56; Scopus: 50.

 

Carlo Miniussi ha studiato a Padova, dove ha conseguito la laurea in Psicologia generale e sperimentale nel 1994, e a Verona, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in Neuroscienze nel 1999. È stato “Research Associate” per più di due anni all’Università di Oxford. Nel 2000 è diventato responsabile del Laboratorio di Neurofisiologia e nel 2001 di Neuropsicologia all’IRCCS Centro San Giovanni di Dio di Brescia. Due anni dopo è stato nominato coordinatore scientifico della linea di ricerca di “neuropsicofisiologia”. Nel 2004 è stato nominato professore associato di Fisiologia umana e nel 2005 ha preso servizio presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Brescia. Dal 2001 ha insegnato all’Università di Brescia, oltre a vari master, scuole di specializzazione, corsi specialistici nazionali e internazionali.

 

Nel 2005 ha fondato la Sezione di Neuroscienze cognitive del IRCSS Centro San Giovanni di Dio e dell’Università di Brescia. Nel 2007 è divenuto membro del Comitato etico della Scuola internazionale superiore di Studi avanzati di Trieste, Sempre dallo stesso anno e membro dell’Institute of Neuroscience del Università “Trinity College” di Dublino, Irlanda. , Nel 2011 è stato eletto presidente della Società italiana di PsicoFisiologia. Dal 2013 al 2016 è stato professore ordinario di Fisiologia all’Università di Brescia e dal 2015 è membro di un Gruppi di Esperti nominati dall'Agenzia Nazionale per la Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca. Nel 2016 è stato nominato “Visiting Professor” della facoltà di Scienze dell’Università di Sydney, Australia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato